Meno interessati dai tagli

Anche gli assistenti di volo (rappresentati da varie sigle professionali e confederali; la più numerosa è la Sdl, l’ex Sult) hanno assunto posizioni critiche nei confronti di Air France, e sono sostanzialmente allineati ai piloti (con cui alcune sigle sono federate). I tagli annunciati sono tuttavia proporzionalmente meno pesanti rispetto alle altre categorie: circa 600 persone su un totale di oltre 4.500, e derivano dalla «messa a prato» di 40 velivoli. Il taglio del cargo non riguarda direttamente questa categoria. Tuttavia i sindacati sottolineano che l’area trasporto merci risulta essere in crescita, con coefficienti di riempimento (76%) ben superiori a quelli del cargo Air France (62%, secondo fonti sindacali). Inoltre Air France avrebbe di recente ordinato aerei «all cargo», facendo sospettare che Parigi voglia appropriarsi del mercato merci di Alitalia azzerandone l’attività.