Meno protesti, più assegni a vuoto

Aumenta il numero degli assegni a vuoto, in calo invece cambiali e tratte. L’andamento delle “bufale” in Italia ha infatti registrato l’anno scorso un aumento degli assegni “cabriolet” dello 0,5% (passando da 553.255 del 2005 a 556.006 del 2006) mentre le cambiali sono scese del 6,7% e le tratte del 3,1%. È quanto emerge da un’analisi che Unioncamere ha condotto sui dati dell’anagrafe informatica dei protesti. In generale, gli effetti contestati sono scesi del 4,1%, passando da 1.542.331 del 2005 a 1.478.986 del 2006 ma il trend è dovuto essenzialmente al calo, appunto, delle cambiali e tratte. La palma nera delle “bufale” va a Roma, Milano e Napoli.