Meocci: confronto tv tra i leader solo se entrambi sono d’accordo

Elezioni, tempo di confronti e di sfide fra promesse, annunci, critiche. Sul tema dei faccia a faccia è intervenuto ieri il direttore generale della Rai, Alfredo Meocci. «Per la prima volta si parla dei problemi di questi faccia a faccia. Sono una cosa nuova, esiste un po’ di concitazione» ha dichiarato Meocci nel toccare i problemi derivanti dalla legge sulla par condicio e in particolare sul chiacchierato confronto tv Berlusconi-Prodi. «Io metto in conto la necessità di assestarci col passare del tempo anche su questo tipo di situazioni». Sulle richieste di Prodi - che sottolinea la necessità di condizioni paritarie e critica la conferenza stampa finale del premier - a Meocci è stata rivolta espressamente la domanda: «Verrete incontro alle richieste di Prodi?». Il direttore ha risposto: «Il confronto, se si fa, si fa se sono d’accordo tutti e due, se no che confronto è? Faremo il possibile per rispettare la legge».