«Il mercato è forte nel Nord Italia Il 70% dei biglietti è venduto qui»

Gelmini: «Marrazzo ovviamente fa il suo mestiere. Quel che preoccupa di più è l’atteggiamento dell’esecutivo»

Anche Forza Italia alza la voce contro lo scippo dei voli dalla Lombardia al Lazio. «Giù le mani da Malpensa» dice la coordinatrice regionale, Mariastella Gelmini, preoccupata che Romano Prodi, per ragioni politiche, possa compiere scelte contrarie agli interessi della Lombardia. Sulla stessa linea anche il vicecommissario cittadino, Maurizio Lupi: «L’Alitalia non può rinunciare a Malpensa».
La Gelmini è categorica: «Malpensa è per la posizione e perché nel cuore del Nord produttivo e industriale, un punto centrale per gli scambi economici con l'Oriente e con la Cina. Marrazzo ovviamente fa il suo mestiere di presidente della Regione Lazio. Ciò non stupisce». Quel che mette in allerta è soprattutto altro: «Preoccupa l’atteggiamento del Governo che, notoriamente disattento ai problemi del Nord, potrebbe anche prendere in considerazione le parole di Marrazzo».
Lupi dà i numeri della situazione. «Spostare i voli business da Malpensa a Fiumicino - dichiara il responsabile territoriale di Forza Italia - sarebbe una pura follia». La tesi è ben argomentata: «Il mercato aereo è particolarmente forte nel Nord Italia, dove vengono venduti il 70% dei biglietti di aerei internazionali. Se Alitalia non riesce con la flotta a coprire tutte le rotte lo facciano le altre compagnie, come già accade per la Thai e la Singapore Airlines i cui aerei partono da Malpensa sempre pieni. Per Alitalia rinunciare a questo mercato sarebbe il definitivo fallimento».