Mercedes Actros in pista contro i consumi

da Nardò (Lecce)

Convincente prestazione di un tir Mercedes-Benz, l’Actros 1844 da 40 t (con 25 t di carico utile) sul circuito di prova di Nardò, in Puglia. Con un consumo di 19,44 litri di gasolio il veicolo pesante ha percorso più di 10mila chilometri alla velocità media di 80 orari, emettendo solo 20 grammi di anidride carbonica per t/km. L’impresa ha permesso di testare la più avanzata tecnologia di serie, di cui oggi dispone Mercedes-Benz, leader mondiale nella produzione di veicoli industriali.
Con questo risultato, reso possibile con il contributo di Shell (gasolio e lubrificanti) e di Dekra (monitoraggio tecnico del test), l’Actros, equipaggiato di un motore V6 BlueTec di 11.900 cc per 435 cv e di un cambio PowerShift automatizzato a 12 rapporti, è entrato d’autorità nel «Guiness world records» come il più efficiente autocarro della propria categoria. Il riconoscimento ottenuto sulla pista di Nardò (un anello di 12,5 chilometri con innalzamento variabile della carreggiata per consentire la marcia in rettilineo) candida il tir tedesco al titolo di «Truck of the year», titolo già conquistato nel 2004. Alla prestazione del Mercedes Actros hanno concorso la scelta di pneumatici all’asse motore maggiorati single e non gemellati e la configurazione ottimizzata di tetto cabina, deflettori laterali e appendici aerodinamiche. Determinanti sono state anche le condizioni ideali del circuito di Nardò, quali il clima estivo e l’assenza di traffico (e quindi di code, che in Germania costano circa 12 miliardi l’anno) o di altri fattori di disturbo, come l’insufficiente pressione delle gomme o la scarsa manutenzione, capaci di condizionare in negativo consumi ed emissioni.
È stato provato, a esempio, che la circolazione stop-and-go può addirittura triplicare i consumi, ma anche che la guida affidata ad autisti esperti può significare un risparmio del sempre più costoso carburante del 10-15%.