Mercedes celebra i 10 anni della Slk Ecco la «EditIOn»

Logo subito riconoscibile, cerchi a dieci raggi da 17 pollici, vernice «grigio alanite magno» per la carrozzeria: questi e altri elementi caratterizzano la sportiva tedesca Tiratura limitata a 500 esemplari

da Bari

Estate, tempo di cabrio. Estate 2007, stagione di record per i cabrio Mercedes-Benz. A livello mondiale, infatti, la casa tedesca ha consegnato, nei primi 6 mesi, oltre 400mila unità dei suoi modelli a cielo aperto, una leadership assoluta con la quale il marchio vivrà intensamente il periodo più adatto per godersi questo tipo di vetture. Tutti i cabrio e i roadster si sono comportati bene, ma la vera beniamina del pubblico è la Slk, la «piccolina» che ha da poco compiuto 10 anni, un compleanno festeggiato con il record di roadster di lusso più venduto, un titolo ottenuto con il superamento di 480mila unità, 165mila delle quali della seconda generazione presentata nel 2004, e con la realizzazione di una tiratura limitata battezzata Edition 10. Sono infatti soltanto 500, su un totale di 3.500, gli esemplari riservati al mercato italiano del cabriolet che per primo ha adottato, nel 1996, un hardtop in acciaio retraibile a scomparsa, una soluzione poi seguita da molti altri costruttori, un fenomeno che ha addirittura creato l'importante nicchia dei coupé-cabrio.
Ha lontane e gloriose origini la sigla Sl, che sta per Sport Leicht (sportiva leggera), sbocciata in casa Mercedes-Benz nel 1955 per un roadster destinato al mercato Usa dalla quale sono poi derivati capolavori come la Seagull con le portiere ad ala di gabbiano. Messe da parte per lungo tempo, soprattutto per una carenza di domanda, le spider di Mercedes Benz sono tornate sulla scena proprio con la Slk (la «K» sta per kurz, corta), ben decise a svolgere un ruolo da protagoniste.
Per la versione del decennale, i tedeschi hanno scelto di giocare, abbandonando un po’ della solita austerità, anche con il logo, «EditI0n», che compare lungo le fiancate della vettura rendendola immediatamente riconoscibile e desiderabile. Altri elementi distintivi sono i cerchi a dieci raggi da 17” e la vernice della carrozzeria, «grigio alanite magno», denominazione ermetica dietro la quale si cela un piacevole «effetto seta» al tatto. Nel ricco allestimento di serie c’è anche l’importante «airscarf», dispositivo introdotto sulla seconda generazione di SLK, che protegge il collo di guidatore e passeggero mediante un flusso d’aria calda diffuso attraverso una serie di forellini praticati negli appoggiatesta. Tre sono le motorizzazioni previste per la «EditI0n 10»: «200 Kompressor» da 163 cv, 280 e 231 cv e «350» con 272 cv di potenza massima, con prezzi da 44mila a 47.200 euro. Per chi non dovesse accaparrarsi una delle Slk speciali c'è sempre la gamma standard della roadster tedesca che include anche la versione 55 Amg dotata del poderoso V8, 5.4 litri da 360 cv, proposta a oltre 73mila euro.