Merlo: «Ogni giorno crisi più forte» Il Governo: «Attivi per il porto»

Infrastrutture, efficienza del sistema dei servizi portuali e regole, ovvero una governance del sistema portuale. Sono questi gli obiettivi da perseguire da tutta la comunità portuale indicati dal presidente di Spediporto, Roberta Oliaro, ad un anno dal suo insediamento, nel corso dell’assemblea annuale dell’associazione «Nel porto che vogliamo non ci sono solamente le infrastrutture che ovviamente sono indispensabili per lo sviluppo», ha affermato la Presidente dell’associazione che conta 400 aziende iscritte per 7.000 dipendenti ed oltre 4 miliardi di euro di fatturato. A margine dell’assemblea è intervenuto anche il presidente dell’autorità portuale Luigi Merlo che ha sottolineato come la crisi economica colpisca anche il settore dello shipping ed ogni giorno «spesso nel silenzio» emergono segnali «preoccupanti». Secondo Merlo occorre tutelare il più possibile l’occupazione nella prospettiva di una ripresa nel 2010. Messaggio in questo senso tranquillizzante quello giunto dal sottosegretario asi Trasporti Bartolomeo Giachino: «Il governo punta alla valorizzazione dei porti italiani, elemento fondamentale per la ripresa economica. In particolare il porto di Genova è troppo importante per l’economia italiana e sarà uno dei punti della ripresa economica. Su di esso il governo è particolarmente attento. E lo dimostra il fatto che nel piano infrastrutturale c’è uno stanziamento di un miliardo di euro per il terzo valico per la linea ferroviaria ad alta capacità Genova-Milano».