Messi trascina il Barça e vince la Champions

Guardiola riporta i blaugrana sul tetto d'Europa. Con le reti di Pedro, Messi e Villa il Barcellona schianta il Manchester United di sir Alex Ferguson e conquista la sua quarta Champions League. Inutile il gol di Wayne Rooney. <strong><a href="/sport/leo_marziano_terra_simbolo_due_decenni/messi-champions_league-barcellona/29-05-2011/articolo-id=526152-page=0-comments=1#commenta" target="_blank">Messi, un marziano in terra, simbolo di due decenni </a></strong>/ G. De Bellis

Londra -  Alla fine ha vinto la squadra migliore. Il Barcellona conquista la Champions League battendo, in finale, il Manchester United: 3-1 il risultato. E con questa sono quattro. Dopo quelle del 1992, del 2006 e del 2009 il Barça fa poker vincendo nello splendido stadio Wembley di Londra. "Vittima", ancora una volta, il Manchester United, come nel 2009 a Roma. Grandissima prestazione degli spagnoli, specie nel secondo tempo. Guardiola ha guidato l'orchestra blaugrana con la solita sicurezza. I suoi, ormai da anni, giocano a memoria. Ma una finale è sempre una finale. E il Manchester, per più della metà della gara, ha retto il colpo. Poi, alla distanza, la superiorità del Barça è venuta fuori. 

Le reti Al 27' pt palla da Iniesta a Xavi che trova con uno splendido assist smarcante Pedro (Pedrito) al limite dell'area. Destro del n.17 del Barça e gol dell'1-0. Al 34' pt il Manchester trova il pari: perfetto "dai e vai" tra Rooney e Giggs, con l'attaccante inglese che riceve e realizza l'1-1 anche lui di destro. Si va negli spogliatoi in perfetta parità. Il Barcellona che torna in campo nella ripresa pare trasformato: macina gioco, è sicuro di sé e, piano piano, annichilisce il Manchester. Al 9' st il Barça torna in vantaggio con un siluro di Messi da fuori area, con il sinistro (Van der Sar colpevolmente sorpreso). Al 24' st ennesima incursione di Messi, fermato dallo United, ma Busquets recupera palla su Nani al limite dell'area; la palla finisce a Villa che fa 3-1 con un magnifico destro "a giro". Grande partita degli spagnoli. Manchester annichilito.

La favola di Abidal Sul campo, a festeggiare con la coppa appena conquistata, c'è anche il francese Eric Abidal. A poco più di due mesi dalla delicata operazione a cui è stato sottoposto, il 17 marzo scorso, per rimuovere un tumore al fegato, il francese è tornato a giocare, a vincere e ad esutare con i suoi compagni.