Messico: Ciudad Juarez capitale del crimine

Oltre tremila morti dall'inizio dell'anno per la guerra dei cartelli

Un altro record. E' la città del terrore. Ciudad Juarez, centro messicano al confine con gli Stati Uniti, si conferma una delle metropoli più violente del mondo. Dall'inizio dell'anno, sono oltre tremila le morti violente, legate fatalmente al traffico di droga. Ciudad Juarez è il teatro di una guerra feroce fra le gang che si contendono questi ricco mercato. E così le persone assassinate hanno raggiunto quota 3010, e di queste 140 sono poliziotti. La crescita nel tempo è impressionante: due anni fa i morti erano stati 1.656, lo scorso anno 2.754. Insomma, la violentissima Ciudad Juarez è alla testa di un Messico sempre più spietato. La guerra dei cartelli ha fatto qualcosa come 28 mila morti dal 2006, da quando è giunto al potere il presidente Felipe Calderon.