Messico: sequestrate ai narcos 180 mila armi

Un arsenale sterminato nelle armi dei trafficanti: fucili, bombe e persino un lanciagranate

Sono centoottantamila le armi sequestrate ai narcos messicani dal 2006 ad oggi. E' infatti nel 2006 che il governo di Felip Celderon inizia la guerra ai trafficanti e da allora le forze dell'ordine, che pure hanno subito colpi durissimi, hanno trovato di tutto. Fra le armi confiscate c'è un lanciagranate di 40 millimetri capace di sparare fino a 12 granate al minuto, ma anche fucili Kalashnikov, bombe di differenti tipi e fucili Barrett capaci di sfondare blindature e in grado di colpire elicotteri fino a 2 chilometri di distanza. La guerra contro i narcos ha mietuto finora 28 mila vittime. E le stragi proseguono senza soluzione di continuità. Nel mirino, oltre ai rappresentanti delle forze dell'ordine, i politici e la gente comune. Molti i morti anche negli scontri fra le bande dei trafficanti.