«Con Mesto e Modesto arriva Polenta» La dura vita del tifoso in tempi di magra

Equivoci e omonimie disorientano i fan. E i dibattiti nei forum diventano momenti di comicità involontaria

A volte ci si chiede se dietro certe scelte ci sia una mente. Il Genoa nella sua campagna rafforzamento ha acquistato Mesto, Modesto e ha completato il trio difensivo con Polenta. Diego Polenta è un uruguaiano di neppure 16 anni prelevato dal Danubio, ex club di Alvaro Recoba, e nessuno mette in dubbio l’occhio lungo del presidente Preziosi. Purtroppo Stankevicius è andato alla Sampdoria altrimenti era poker, ma mai come in questo caso il cognome non aiuta e se la difesa del Genoa risulterà lenta e un po’ avvilente, nessuno può far finta di niente.
Comunque non sempre il nome è foriero di qualcosa, per esempio la Fiorentina ha acquistato un attaccante che proviene dal Paranà e si chiama Jefferson già battezzato amichevolmente Jeff. Non ha neppure vent’anni, è alto due metri, fisicamente è un torello, ha uno stacco di testa impressionante e ci si chiede dove sia l’errore. Ma è l’amore per i propri colori che rende austera anche una notizia apparentemente di seconda schiera. Pochi giorni fa su un quotidiano ticinese: Cattiva notizia per i tifosi del Lugano: Diogo Tavares, 21 anni, passaporto portoghese, potrebbe lasciare la squadra. Evento che si è puntualmente verificato, l’ha preso il Frosinone che ha mandato nel panico la Svizzera-italiana. Sono episodi che lasciano il segno, i tifosi sui blog poi ne fanno poesia, come l’equivoco che certi giocatori semisconosciuti creano.
Quando il Brescia ha acquistato El Kaddouri qualcuno ha strabuzzato gli occhi: chi, il fenomeno della Dinamo Kiev? No, il marocchino dell’Anderlecht. Ma non è detto che sia un pacco, il suo nome era anche sui taccuini degli osservatori del Milan. Omar El Kaddouri è un centrocampista classe ’90 che quest’anno ha giocato il Viareggio, Badr El Kaddouri è un marocchino classe ’81 che gioca esterno sinistro, l’equivoco ci stava, ma il tifoso c’è rimasto male. Ma mai come il barese che a un certo punto non ci ha capito più nulla dopo aver appreso che la sua squadra aveva acquistato Rivas. Apre il blog e scopre la notizia: Sono appena tornato a casa, scrive un altro tifoso, e ci tenevo a comunicarvi quanto mi è stato detto stamattina... il presidente dell’Arezzo ha chiesto un milione per il cartellino dell’argentino Rivas, ma le pretese pare si siano abbassate dopo che lo stesso Rivas ha dichiarato di voler giocare in serie B col Bari.
Allora lui chiede: chi, quello dell’Inter?
No, gli risponde il tipo della notizia, quello era un difensore.
Ah, allora è quell’altro dell’Inter?
No, gli risponde sempre quello della notizia, quello era Ribas.
Ah, fa lui, e allora questo chi è?
Emanuel Benito Rivas, gli risponde l’altro.
Ah, fa lui, adesso sì che ho capito!