A metà settembre il parere della Ue

Autostrade-Abertis

La Commissione europea deciderà entro il 22 settembre sulla fusione tra Autostrade e Abertis, notificata venerdì. A dettagliare il calendario è ieri stato Jonathan Todd, portavoce del responsabile dell’Antitrust Ue, Neelie Kroes. Bruxelles ha ricevuto la documentazione trasmessa dal governo italiano, ha detto il portavoce aggiungendo che la Commissione la sta tuttavia «ancora studiando». Il parere dell’Europa è atteso da Abertis anche se è letto come «un atto formale» nel processo di fusione con Autostrade, che «non ha niente a che fare con la comunicazione dell’Anas». Secondo gli spagnoli la pronuncia Ue non cambia infatti la situazione, visto che «sul piano della concorrenza non sembra che ci si possano aspettare problemi anche se è la Ue a doverlo dire». A pesare, invece, è ancora la bocciatura italiana rispetto alla quale, aggiunge il portavoce di Abertis, «non c’è ancora nessuna decisione formale sui prossimi passi da compiere».