Metalli in ritirata, giù oro e rame

La settimana si è chiusa con diffuse vendite sui metalli. Tra quelli di base, il rame è scivolato sotto la soglia degli 8mila dollari per tonnellata. Deboli anche alluminio e zinco. Ad alimentare i ribassi la situazione in Cina dove, per la prima volta dal 2005, gli indici che misurano l’attività manifatturiera sono in contrazione. Tra i metalli preziosi, l’oro è sceso a 912,50 dollari l’oncia penalizzato dalla tenuta del biglietto del verde. In rimonta il petrolio con il future del Wti sopra i 126 dollari al barile.