Metalmeccanici, la Cgil: "Sciopero il 12 dicembre"

Dopo lo strappo sul contratto degli statali (<strong><a href="/a.pic1?ID=302458" target="_blank">con Epifani unico a non firmare il protocollo Brunetta</a></strong>) la Fiom annuncia che le tute blu si fermeranno per un blocco totale

Roma - Sciopero generale dei metalmeccanici della Fiom il 12 dicembre prossimo con manifestazione nazionale a Roma. È il leader delle tute blu della Cgil Gianni Rinaldini a proporlo all’assemblea dei delegati della Fiom convocata oggi che risponde con una standing ovation suggellando così la proclamazione della mobilitazione. Lo sciopero è stato deciso contro la riforma di Confindustria del modello contrattuale e la politica economica del governo. In particolare, per la Fiom, va respinto "l’attacco di Confindustria ai contratti nazionali e alla contrattazione aziendale che ha l’obiettivo di programmare una ulteriore riduzione dei salari".

Ammortizzatori sociali Per il sindacato, va anche respinta la scelta del governo "di indebolire gli ammortizzatori sociali privando i lavoratori, a rischio disoccupazione, dell’essenziale sostegno al reddito". Così come la Fiom dice no "all’attacco alla scuola, al lavoro e ai servizi pubblici. È necessario sostenere i redditi dei lavoratori - per la Fiom - attraverso una riduzione dell’imposizione fiscale del lavoro dipendente. Anche con i nostri litigi e problemi - ha detto Rinaldini - la Cgil rimane l’unica organizzazione di massa esistente".