Mete e itinerari scelti con cura: è il marchio dei viaggi del Giornale

La maggior soddisfazione che possa avere è quella di vedere i visi felici e commossi dei lettori durante il viaggio e al momento del commiato. Che non è mai un addio ma un arrivederci. E non è solo una frase fatta, ma una realtà: mi riferisco, per esempio, a quel gruppo di lettori del «pullman numero 1 in Terrasanta» che ci segue ormai fedelmente in tutti i viaggi, portando altri amici lettori ed allargando così il giro. Ma non solo all’estero: si ritrovano tra di loro - pur essendo di regioni diverse - anche in Italia; organizzano cene in differenti città e weekend in pulmino (ovviamente contrassegnato dal numero 1) lungo lo Stivale. Ma non ci sono solo loro, ogni viaggio incontro visi amici e nuovi lettori che amici lo diventano già da subito. Il complimento più bello che ho ricevuto in Egitto è stato quello di un gruppo di lettori romani e siciliani quando mi ha confidato che durante la crociera sul Nilo ha vissuto tutte le emozioni da me descritte nell’articolo di presentazione. E questo per me - che scelgo le mete, gli itinerari e li provo per voi - è molto importante. È la soddisfazione dopo la tensione per la responsabilità che mi sento addosso di portare centinaia di lettori alla volta in giro per il mondo. Quasi tremila solo quest’anno. E il piacere di sapere che le proposte di viaggio e i prezzi estremamente competitivi che riusciamo a «strappare» a compagnie aeree e catene alberghiere vengono apprezzati dai voi lettori. Ma non sono l’unico che - nonostante la grande responsabilità - viene appagato dai ringraziamenti. Mi riferisco a Giovanni Medaglia e a tutto lo staff di Passatempo che ci mettono davvero l’anima, oltre alla loro professionalità, per fare in modo che i nostri viaggi si svolgano nel migliore dei modi, anche in Paesi dove disservizi, problemi e disagi sono sempre in agguato, come nel caso dell’India e dell’Egitto. E gli applausi e i complimenti che hanno ricevuto al Cairo durante la cena di gala a bordo dello splendido battello sul Nilo, li hanno abbondantemente ripagati delle notti passate in bianco e delle tensioni delle lunghe giornate.
Proprio con Passatempo dall’8 febbraio 2010 saremo a Mauritius, e il 23 maggio partiremo a bordo di Msc Fantasia per una splendida crociera. Sarete dei nostri?