METE ESCLUSIVE

Si respira un'atmosfera da Jurassic Park a Zil Pasyon, che nella lingua locale, il creolo, sta per «Isola della passione». Una pagliuzza - 268 ettari in tutto - nell'Oceano Indiano, a quarantotto chilometri da Mahé, la principale isola dell'arcipelago delle Seychelles. La vegetazione rigogliosa si arrampica lungo il pendio toccando 213 metri d'altezza, ovunque spuntano giganteschi massi di granito bruno, espressivi come statue. A Zil Pasyon è ormai in dirittura d'arrivo un progetto che, per visione e rispetto dei criteri di sostenibilità, sta già facendo parlare di sé. Tempo qualche mese, e sarà completato un sistema di ville e megaville, alcune affittabili (a mille euro per dì), altre destinate all'acquisto: la posta in gioco è alta, si va dai quattro ai sette milioni di euro per residenza (tel. +248 528882, www.zilpasyon.com e House & Loft, tel. 0276017010, www.houseloft.com). Tutto fa capo a una società, nata in seno alla compagnia Indian Ocean Resorts, che nel 2007 ha acquistato l'isola edificandone, però, solo un angolo, suppergiù il 20% dell'intera superficie. Il progetto rispecchia il desiderio del Governo di rilanciare un turismo che, dopo il decollo degli anni Ottanta, e la successiva stagnazione, dal Duemila ha finalmente ripreso quota. Lo dimostra il fiorire di hotel a Mahé, Praslin e La Digue, le isole che sono meta del 70% dei turisti in visita alle Seychelles. Ora, nel già esclusivo arcipelago dell'Oceano Indiano, si aggiunge una nuova perla con un'identità a se stante rispetto a quella delle altre 114 isole. L'originalità si deve a due idee chiave alla base del progetto: rispetto assoluto dell'ambiente e autosufficienza dell'isola che attingerà all'energia rinnovabile e avrà proprie riserve idriche anche grazie alla desalinizzazione. Si ricicleranno i rifiuti, saranno ammesse solo auto elettriche e si produrrà in proprio, per quanto possibile, generi alimentari. Non s'è scavato, non sono stati asportati o squarciati massi e neppure sono state sradicate piante. L'architetto londinese Richard Hywel Evans, che ha curato l'intero progetto, ha voluto che tutto permanesse come era. Le abitazioni sembrano nascere direttamente dalla terra, incastonate nella roccia, con dimensioni modellate su quelle dello spazio che vanno ad occupare. I colori fanno tutt'uno con l'ambiente: la prevalenza di basalto fa sì che spicchi l'azzurro delle piscine che, nel contempo, fungono da tetto del soggiorno. L'angolatura delle pareti riproduce quella dei massi di granito circostante. Il criterio di sostenibilità si sposa con quello della privacy garantita ai clienti, nel senso che l'area delle ville residenziali è accessibile solo ai proprietari, e comunque tutte le abitazioni sono escluse dalla vista del vicino. Direttamente sul mare, vi saranno una Spa del gruppo britannico Espa, piscine, ristoranti, una biblioteca, un campo da tennis: strutture pensate comunque per scoraggiare arrivi chiassosi. Ad esempio, si potrà attraccare sull'isola purché la sosta sia breve, così come sarà vietato praticare sport che richiedano l'uso di motori.
Il contesto, reso accattivante anche dalla bontà del fisco nelle Seychelles, è piaciuto subito a un bilionario saudita. Che s'è assicurato la villa più esclusiva, in cima alla collinetta, 1.400 metri quadrati di superficie corrispondenti a quattordici milioni di euro inclusi gli arredi che sono vere collezioni d'arte. Gli altri quattro acquirenti delle dodici megaville sono europei, tra cui un italiano (top secret il nome), tra i Francesi pare vi sia il magnate della Carrefour.
Che sia per qualche giorno, da inquilino di lusso, o per sempre, a Zil Pasyon approderà gente disposta ad affrontare costi stellari, ma sicura di godere del massimo silenzio, anzitutto mediatico. Approderà come meglio crede, via mare o aria considerato che da un anno, nell'aeroporto di Mahé, opera Zil Air (tel. +248 375100, www.zilair.com), compagnia di elicotteri limousine attiva su una ventina di destinazioni delle Seychelles, con base all'aeroporto di Mahé, provvisti di aria condizionata, comode poltrone e ampio bagagliaio. Elicotteri pensati anche per condurre i clienti nelle isole attorno a Zil Pasyon, ad esempio a Praslin, e in particolare al campo da golf championship a 18 buche del Lémuria Resort (http://www.lemuriaresort.com). Quanti non vorranno lasciare l'Isola della Passione, potranno contare su un team di 258 persone che provvederà a soddisfare ogni esigenza.
Fra i tour operator attivi su questa destinazione, segnaliamo Onirikos (tel. 02.39433917, www.onirikos.com), Alke Viaggi (tel. 0039-06-5742020, www.alkeviaggi.com), Carrè Blu (tel. 011 5620326, www.carreblu.com).