Metrò, trasporti e infrastrutture: otto miliardi per le opere di Expo

Dal Pirellone stanziamento di 50 milioni, 15 per la rete ecologica
regionale Entro l’anno il progetto sulle vie d’acqua. Corsi d’inglese
per vigili e tassisti

Una Lombardia più verde, più attraente, in una parola più bella. Questa la prospettiva che attende la nostra regione in vista del 2015 e che già l’anno prossimo potrebbe prendere il via. Si respirava un clima di ottimismo ieri al termine del tavolo Lombardia sull’Expo, che ha riunito intorno al presidente Roberto Formigoni, il ministro della difesa La Russa, il ministro del Turismo Brambilla, il vice ministro alle Infrastrutture Castelli, il commissario straordinario di Expo Letizia Moratti, l’ad della società di gestione Lucio Stanca, il presidente della Provincia Guido Podestà. Ammonta a otto miliardi di euro il finanziamento complessivo assicurato per la realizzazione dell’esposizione universale. «Il nostro obiettivo - ha commentato Formigoni - è realizzare una Lombardia più verde e più ospitale, che metta in mostra i suoi patrimoni paesaggistici. Una Lombardia più attrattiva». Per far sì che il sogno diventi realtà sono stati stanziati dal Pirellone 50 milioni complessivamente, di cui 4,5 milioni per connettere le piste ciclabili tra loro e realizzarne di nuove, a partire dall’Alzaia Naviglio Pavese. Verde in primo piano con il pacchetto da 15 milioni di euro per la «rete ecologica regionale» che prevede la creazione di una cintura verde nei comuni di Rho e Pero, la riqualificazione dell’area dell’abbazia di Chiaravalle con la creazione dell’ottava Grande foresta di pianura. Il presidente della Provincia Guido Podestà ha presentato un piano per la riqualificazione del parco dell’Idroscalo. La valorizzazione delle bellezze del territorio parte dal recupero del sistema Navigli, che saranno resi navigabili come l’Adda e il Ticino. Ma la promozione turistica passa anche attraverso gli operatori: la Regione ha stanziato 2,3 milioni d euro per corsi di inglese rivolti a taxisti e vigili. Torna in auge anche il progetto delle vie d’acqua: «Stiamo andando avanti - ha confermato l’ad Stanca - anche sul progetto delle vie d’acqua, entro la fine dell’anno ci sarà il varo definitivo del progetto e poi passeremo alla fase esecutiva».
Per quanto riguarda il capitolo infrastrutture: dopo il via libera del Cipe alla realizzazione della metrò 4 (tratta Policlinico -Linate) e 5 (Garibaldi - San Siro), della Pedemontana e della convenzione della concessione della Tangenziale est esterna si può dire che le opere essenziali abbiano la garanzia pressochè totale dei finanziamenti necessari. Insomma il governo ha fatto la sua parte, a sottolinearlo è il viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli: «Le opere infrastrutturali legate all’Expo sono state finanziate al 90%. Non solo, la Cassa Depositi e prestiti ha approvato il regolamento per il fondo di garanzia delle opere pubbliche e questo ci permette di accedere ai finanziamenti a tassi più favorevoli rispetto al mercato». I lavori per la Brebemi sono partiti il 22 luglio, in questi giorni sono stati consegnati i lavori per la ferrovia Arcisate Stabio e per la terza corsia della A9 Milano Como. «I tempi sono rispettati - commenta l’assessore regionale ai trasporti Raffaele Cattaneo - e le opere saranno pronte per il 2014».