Mettiamo la faccia contro la sinistra

Mentre il Paese assiste all’“occupazione” del potere da parte di una sinistra che non può certo vantare un risultato elettorale sufficiente per legittimarla politicamente in tale condotta, gli uomini di buona volontà del centrodestra sono chiamati a rafforzare ancor di più il loro impegno in vista delle presenti e future sfide politiche.
Come appare chiaro dai primi passi del nuovo governo non si tratterà solo di sfide elettorali, ma di un confronto tra due differenti concezioni della società. Da una parte la Casa delle Libertà, dai chiari connotati liberaldemocratici e cattolici, dall’altra quella che racchiude in sé tutto ed il contrario di tutto, posizioni variegate, contraddittorie tra di loro ed estremiste. A Genova è particolarmente evidente il monopolio amministrativo della sinistra e del suo modello politico-culturale con effetti devastanti sulla qualità della vita dei cittadini. A ciò va aggiunta un’assenza di programmazione che ha causato danni difficilmente reversibili.
È venuto il momento di scendere in campo, offrire un maggior impegno personale specie di chi, avendone le capacità, ha sempre delegato con il voto la gestione diretta della cosa pubblica e di opporsi al tentativo di rendere perenne il presente politico della nostra città. Per fare tutto ciò occorre individuare, prima dell’estate, metodi e persone funzionali ad affrontare un cammino difficile, ma non impossibile, con l’obiettivo immediato di costruire un gruppo di lavoro che costituisca una squadra in grado di sostanziare con idee ed energie giovani, programmi e progetti condivisi.
L’appello che rivolgiamo è diretto: a tutti coloro che vogliono mettere la propria capacità professionale e la propria rettitudine morale al servizio di un progetto condiviso e costruttivo orientato al bene comune; a tutti coloro che sentono il richiamo della politica esclusivamente come servizio alla collettività; a tutti coloro che vogliono contribuire alla stesura di un programma politico responsabilmente serio e innovativo e all’individuazione di un candidato sindaco che non sia il frutto delle alchimie delle segreterie dei partiti, ma che sia realmente garante degli interessi complessivi della città e dei cittadini.Immaginiamo insieme la città di domani cominciando a costruirla oggi.
Commissario Metropolitano
di Forza Italia a Genova