Mezza Italia è sotto la neve e al gelo

L'ondata di freddo polare ha messo in crisi la viabilità dal Veneto alla Puglia dove è stato chiuso l'aeroporto di Bari mentre la rete ferroviaria è andata in tilt. Nevicate sulla A6 Torino-Savona. Freddo record in Calabria: -15 sulla Sila. Allerta sulla A3 Salerno-Reggio Calabria

Roma - La prevista ondata di freddo polare imperversa in tutta Italia, provocando disagi soprattutto alla circolazione stradale. Nevica, anche a bassa quota, in Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Toscana, Abruzzo, Molise, Puglia. Difficoltà e rallentamenti sull'autostrada A14 Bologna-Taranto, sull'A16 Napoli-Canosa, sull'A24 Roma-L'Aquila-Teramo e sull'A25 Torano- Pescara. Interessata da nevicate abbondanti anche la A6 Torino- Savona. La Protezione civile invita a limitare al massimo gli spostamenti. Gelo in Calabria (15 gradi sottozero sulla Sila).
Trieste è spazzata dalla bora da ieri sera. Alcune raffiche hanno superato i 100 km/h. Quella massima, di 108 km/h, è stata registrata alle 9:20 dall'Istituto Tecnico Nautico. Le temperature si sono abbassate su tutta la regione: minime sotto lo zero in tutti i capoluoghi di Provincia, con -3 a Udine, -2 a Pordenone, -1 a Gorizia, ed un freddo record sul Monte Lussari, dove l'Osmer regionale ha registrato stamani -14 gradi.
In Puglia il maltempo ha mandato in tilt il trasporto ferroviario e aereo per la chiusura dell'aeroporto di Bari e forti disagi ai viaggiatori per le difficolta' di circolazione dei convogli di Trenitalia.

Allerta neve sull'autostrada A3 "Salerno-Reggio Calabria". L'Anas - in una nota - invita alla massima prudenza sul tratto compreso tra gli svincoli di Salerno e Lamezia-Terme dove si consigliano catene a bordo. "La situazione è sotto controllo - è scritto nella nota - ma sono possibili nevicate nelle prossime ore. E' previsto un peggioramento della situazione meteo in serata e nel corso della notte. Dalle 15 di ieri, intanto, i mezzi spargisale Anas sono in azione. In alcuni tratti dell'autostrada le temperature sono scese sino a 6 gradi sotto lo zero". "La situazione meteo - conclude la nota - è in continua evoluzione, e può variare anche nel corso della giornata".

Al Viminale coordinamento per la vibilità A causa delle previsioni meteorologiche che indicano la concreta possibilità di precipitazioni nevose di media entità, anche a quote basse, sul versante adriatico meridionale della penisola, il vicepresidente del Centro nazionale per il coordinamento in materia di viabilità del Viminale, Giorgio Alocci, ha convocato i rappresentanti del Centro presso il Servizio Polizia Stradale. Saranno così monitorate le condizioni di transitabilità delle arterie stradali interessate dalle previste precipitazioni, assicurando da parte di tutti gli Enti interessati l'adozione delle misure preventive per il mantenimento di una adeguata sicurezza di marcia dei veicoli. Inoltre, verranno tenuti stretti contatti con l'Unità di crisi della Protezione Civile che seguirà l'evolvere della situazione atmosferica nelle prossime ore. Mediante i consueti canali informativi (Cciss e Isoradio) verranno comunicate le eventuali misure adottate in presenza di gravi ripercussioni sulla sicurezza e sulla regolarità del traffico stradale, a causa delle annunciate avverse condizioni meteorologiche.

Ridurre gli spostamenti Informarsi prima di mettersi in viaggio e non partire senza i pneumatici da neve o le catene. E' l'invito agli automobilisti che arriva dal Dipartimento della Protezione civile. La Protezione civile invita inoltre tutte le strutture locali ad attivarsi affinché vengano poste in atto tutte quelle misure necessarie a garantire la circolazione e, in caso di necessità, l'eventuale assistenza agli automobilisti.