«Mezzi pubblici, non si possono buttare via così i soldi»

2I PRIVILEGIATI

Benessere a senso unico
Proprio ieri un alto esponente della Banca d’Italia diceva che occorreva lavorare di più e per più tempo per mantenere l’attuale livello di benessere. Ma il benessere di chi? Dei privilegiati Atm descritti da il Giornale?
Claudio Gio (email)
2MANDIAMOLO VIA
Quei soldi sono nostri
Elio Catania è da cacciare. Un dirigente pubblico non può fare queste cose, non si possono amministrare così i soldi pubblici. Vergogna!
Wolf (email)
2PROVVEDIMENTI

Il sindaco cosa dice?
Quello che manca nell’articolo di Gianandrea Zagato è un cenno all’amministrazione di Milano che è proprietaria dell’Atm. Elio Catania fu nominato dal sindaco Letizia Moratti a maggio del 2007, adesso vedremo che provvedimenti prenderà il sindaco, se ne prenderà.
Teramano (email)
2SPERPERI SENZA LIMITE
E il biglietto aumenta
Il biglietto del bus aumenta perché il bilancio è in rosso, ma i funzionari autisti e segretaria quanto prendono di stipendio netto mensile? Non c’è un potere che possa ridimensionare il numero dei dirigenti e diminuire gli stipendi? Paga Pantalone, ma pur non essendo comunista, credo che questi sperperi gridino vendetta.
Mopy (email)
2IN OGNI CARROZZONE
Il solito vizietto
Ma di che ci meravigliamo? In qualsiasi carrozzone si metta il naso si scoprono cose simili se non peggiori. Potrei parlarvi della piccola azienda a partecipazione regionale dove lavoro che non fa mancare ai dirigenti stipendi principeschi, Bmw gratis e spese pagate a piè di lista di cene, benzina, autostrada, viaggi etc. Ma quando c’è da pagare a certi dipendenti le indennità di reperibilità durante il week-end, be’ non ci sono mai i soldi. Se ognuno di noi guardasse in casa propria ne avrebbe da raccontare. Invito tutti a farlo su queste pagine e poi, forse, non ci meraviglieremo più.
2L’APPELLO A BRUNETTA
Servono nuove regole
Appello al ministro Renato Brunetta, l’Atm è da urgentemente riformare, sostituire il personale di gestione e nuove regole d’amministrazione.
Soccorsi