M&G consiglia di puntare sulle obbligazioni dei big internazionali

L'esperto: «C'è un rapporto rischio-rendimento favorevole»

La guerra contro il debito dei paesi europei e degli Stati Uniti prosegue, Stefan Isaacs, gestore del fondo M&G European Corporate Bond Fund, consiglia di puntare sulle emissione obbligazionarie emesse dalle grandi multinazionali. Purché si tratta di realtà con bassi livelli di leva e con flussi di entrate solidi e diversificati.
Malgrado la Borsa rimanga molto nervosa, il gestore sostiene infatti che il credito investment grade continuerà a offrire rendimenti interessanti rispetto a quanto sarebbe possibile ottenere investendo in prodotti liquidità, e anche il profilo rischio/rendimento appare favorevole.
Gli spread del credito corporate attualmente «sovracompensano gli investitori per il rischio di default», prosegue Isaacs secondo cui «i tassi di default sul debito investment grade rimarranno probabilmente bassi per i prossimi dodici mesi, in quanto molte aziende godono di bilanci solidi in contrasto con lo stato delle finanze pubbliche di Stati Uniti e di molti Paesi dell'Eurozona». Molte società hanno inoltre sfruttato a proprio vantaggio l'attuale congiuntura con il costo del denaro ai minimi per rifinanziarsi. «Ciò significa - conclude il gestore di M&G - che queste aziende non dovrebbero avere necessità di cercare ulteriori finanziamenti sui mercati del debito per un po' di tempo».