«Mi Ami», parte all’Idroscalo la festa delle band emergenti

Dici “Mi Ami” e non puoi che convenire di essere di fronte ad un’eccellenza cultural-musicale tutta milanese. Già, perché il festival ideato e promosso dai ragazzi di Rockit, il portale Internet di riferimento della musica giovane italiana, al via da questo pomeriggio nell’area del Circolo Magnolia, in riva all’Idroscalo, è diventato un “must” per chiunque voglia capire quale piega o direzione stia prendendo il nuovo che avanza nella musica rock (e dintorni) di casa nostra. Un happening assai popolare (alla fine dei “lavori” non è azzardato ipotizzare 20 mila presenze…) che è l’apoteosi della musica alternativa e spesso e volentieri fai da te.
I numeri dell’edizione 2010 in programma nel week-end? Cinquantadue concerti suddivisi su due palchi all’aperto (Pertini, il più grande: e Collinetta di Jack, il più confidenziale); cinque dj-set; e un paio di reading. A corollario un’area espositiva quantomai ricca e variegata; una sezione, ribattezzata “Mi Fai”, dedicata al fumetto e all’illustrazione, naturalmente indipendenti (con un’occhio di riguardo per la rivista emergente Animals e la prima free press del fumetto Pic Nic); e, novità stagionale, un’appendice nella giornata di lunedì, “Mi Pensi”, che mette al centro la scrittura con ospitate eccellenti e un torneo a scontro diretto tra gente che legge cose che ha scritto.
A scorrere il programma si scopre che già oggi si parte in quarta (via alle 18.30, ingresso 10 euro) con due nomi di culto della scena indipendente nazionale come gli sperimentatori emiliani Giardini di Mirò e i veneti Teatro degli Orrori, artefici di un rock dalle venatura cantautorali e dai contenuti a dir poco controversi. A fare loro da controcanto altrettante band emergenti come i milanesi Amor Fou, legati alla canzone italiana degli anni Settanta, e il duo blues-rock laziale dei Bud Spencer Blues Explosion. Domani da tenere d’occhio, oltre ai collaudati Africa Unite, un classico del reggae made in Italy, A Toys Orchestra, Ronin, Ex Otago e gli irriverenti Zen Circus, che inviteranno sul palco la rediviva Nada; mentre domenica fari puntati su Tre Allegri Ragazzi Morti, Perturbazione, Brunori SAS e My Awesome Mixtape.
Per raggiungere l’Idroscalo, altra novità di stagione, quest’anno sono stati istituiti dei bus navetta con partenze da diversi punti della città, in particolare da Piola, piazzale Lodi, Romolo e Zara.