«La mia agenda: anziani e periferie»

Letizia Moratti racconta le priorità da neo sindaco. Al primo posto i temi sociali e tra gli obiettivi più urgenti «evitare l’emergenza anziani in estate». Ha in agenda «la sperimentazione di progetti sociali con gli operatori locali», in particolare con coloro che lavorano al disagio giovanile, tra i quali don Roberto Rondanini e il suo «Villaggio Barona» e altri volontari impegnati in Corvetto e Papiniano. «Mi preoccupa cercare di mantenere il dialogo con la città e capire le priorità», è la sintesi.
Parla della sua futura squadra e ripete ancora una volta i criteri che intende seguire: «professionalità e competenze specifiche». Dice «no alla moltiplicazione delle poltrone» e sì alle proposte con contenuti. Nei rapporti con le forze che l’hanno sostenuta e davanti alla richiesta di dieci assessorati formulata da Forza Italia assicura: «Il mio sarà un lavoro congiunto con i partiti ma non deciderò in base ai numeri e ai pesi politici». Sul nome del vicesindaco, conferma in pubblico il gradimento per Riccardo De Corato, ma non esclude altre possibilità.