Mia nipote esclusa, loro ammessi

Egregio Direttore,

vorrei intervenire a proposito della bambina marocchina senza permesso di soggiorno fatta riammettere all'asilo su decisione del Tribunale. Faccio perciò presente alcune incongruenze.
Ho una nipotina di quattro anni, l'anno scorso a tre anni non è stata presa all'asilo per mancanza di posti e noi l'abbiamo dovuta iscrivere a un nido privato. Ma non riuscendo economicamente a sostenere le spese, la retta la pagano i nonni pensionati in quanto i genitori, dovendo già pagare il mutuo della casa, non possono assolutamente farlo.
Leggo intanto che due consiglieri dell’opposizione, tali Nicotra e Adamo, hanno preso le difese delle famiglie irregolari. Quando si iscrive una bambina all'asilo chiedono una serie di documenti, tra cui: domicilio, residenza e dichiarazione dei redditi. Come fanno allora con i clandestini? Adesso capisco perché la sinistra ha miseramente fallito al governo del Paese.

Antonio Silvestri

Milano