Miccichè smentisce Cuffaro: «No alle elezioni anticipate»

Dal cilindro della politica siciliana esce una vera e propria bocciatura per la proposta, lanciata dal governatore, Salvatore Cuffaro, di portare i siciliani alle urne per le Regionali prima delle politiche. In due parole: elezioni anticipate. La doccia fredda arriva da un alleato, un pezzo da novanta: il ministro per lo Sviluppo e la coesione territoriale, il forzista, Gianfranco Miccichè. All’inaugurazione del cantiere per la «Disneyland» siciliana, nell’Ennese, l’azzurro ha dichiarato il suo no alle elezioni anticipate: «È una prospettiva che non mi convince perché secondo me, al contrario di quanto sostiene Cuffaro, il risultato nell’isola non può fare da traino alle politiche. Inoltre escludo che possiamo perdere, così come è escluso che perderemo nell’isola: la vittoria del centrosinistra è possibile solo per un cataclisma»