A Michel Conan il «Giardini Hanbury»

«Il giardino che vale la pena salvare è il giardino perduto» dice Marcel Proust, e «Il giardino è il recupero eccezionale per avvicinarsi alla natura» afferma Michel Conan, uno dei maggiori esperti di storia e teoria dell’arte dei giardini che ha vinto la XIII edizione del Premio Giardini Botanici Villa Hanbury, a La Mortola - Ventimiglia (IM). Conan è stato proclamato vincitore della prima sezione del Premio, dedicata a chi abbia saputo meglio esprimere attraverso la scrittura il sentimento dell’ambiente e della natura. Vincenzo Cazzato, con Ville e giardini italiani. I disegni di architetti e paesaggisti dell’American Academy in Rome (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato), ha vinto nella seconda sezione, dedicata ai libri di botanica o architettura riguardanti la «cultura» dei giardini e dei fiori, intesa anche in senso fotografico.