Il «microcomune» si governa dal camper

C'è chi in politica ci pianta le tende, Angelo Toscano, candidato sindaco di Rondanina, nel comune più piccolo della Liguria ha piazzato addirittura un camper. «Siamo venuti la prima volta con mia moglie che ha un antico legame col paese», racconta Toscano che spiega: «non avendo una casa siamo arrivati in autocaravan». Un weekend, una gita di piacere pianificata, forse. Ma Toscano non aveva programmato che si sarebbe innamorato a tal punto del paese situato a mille metri di altitudine, che il camper da Rondanina non si è più mosso. Mentre Toscano, sovrintendente capo della polizia municipale di Genova, si è candidato addirittura a sindaco con la lista «Rondanina viva!». Ma cosa ha Rondanina di speciale? «Tutto. A cominciare dal Borgo antichissimo per il quale intendo proporre un nuovo riconoscimento, quello dei borghi antichi di qualità», spiega Toscano che non per niente ha collaborato con l'ex sindaco di Sassello, Paolo Pagano, ai tempi in cui è stata introdotta la bandiera arancione per le località dell'entroterra .
Una chiara sfida alle altre tre liste che si contenderanno gli 80 elettori del paese. C'è il sindaco uscente Arnaldo Mangini che nel 2004 ha conquistato 30 preferenze su 60 voti validi. Un successo che Mangini cercherà di replicare con la lista «Uniti per Rondanina» in competizione con Paolo Boz («Destra in valle») e Italo Scarabelli che si presenta coi simboli di Rifondazione Comunista e Comunisti italiani. Quattro liste, quindi. Con 12 candidati consiglieri e un candidato sindaco per ogni lista. Di fatto un intero paese mobilitato visto che sono poche le famiglie che non hanno almeno un parente aspirante consigliere. Senza contare i nuclei familiari che possono vantare più candidati in liste differenti.
Naturalmente le famiglie di Rondanina non vivono tutte al centro del paese ma disseminate tra le frazioni di Costalunga, Ballin, Retezzo, Giardino, Conio-Avena e Fontanasse. Da lì l'impegno sottoscritto da Pagano con gli elettori di costituire da subito un «Consiglio di territorio» composto dai rappresentanti di tutte le frazioni. «Un programma attento al territorio e alle sue tradizioni anche con mostre e iniziative varie», assicura Toscano. Non solo. «Essendo il nostro uno dei comuni più piccoli d'Italia, la prima cosa che faremo se saremo eletti sarà dare la cittadinanza onoraria all'uomo più piccolo del mondo e a seguire a quello più grande perché noi abbiamo grandi progetti», spiega il sovrintendente dei vigili per nulla intimorito dalle dimensioni del paese: «E poi premieremo il libro più piccolo, la zucca più piccola e il fungo più piccolo». Ma per concludere non poteva mancare nel programma l'ampliamento delle zone destinate al campeggio con l'incremento dei posti camper «perché se anche io sto cercando casa a Rondanina, è importante che altri facciano come me».