Microsoft rischia multe per 2 milioni al giorno

Approvata la proposta di procedere contro il gruppo di Gates

da Milano

Le autorità Antitrust dei Venticinque hanno approvato all'unanimità la proposta della Commissione europea di procedere contro la Microsoft per il mancato rispetto dei «rimedi» imposti nel 2004 per abuso di posizione dominante. È quanto si apprende da fonti comunitarie.
Come è noto, la bozza di decisione dell'Esecutivo Ue è stata esaminata lunedì a Bruxelles dai tecnici delle autorità Antitrust degli Stati membri. Alla riunione, spiegano le fonti, c'erano i rappresentanti di 17 Paesi su 25, ma la proposta della Commissaria Ue alla Concorrenza - Neelie Kroes - è stata approvata all'unanimità. A questo punto, il prossimo passo sarà la definizione dell'entità della multa, che potrà arrivare fino a due milioni di euro al giorno. Una riunione consultiva, sempre con le autorità Antitrust nazionali, è prevista per lunedì prossimo per discutere la proposta della Commissione europea al riguardo.
Le fonti indicano anche che la data della decisione sul caso Microsoft potrebbe slittare dal 12 al 19 luglio, anche se questa eventualità viene definita poco probabile. L'ex commissario alla Concorrenza, Mario Monti, aveva imposto al colosso Usa una multa record di 497 milioni di euro per abuso di posizione dominante nel marzo del 2004. La Microsoft, come è noto, è accusata tra l'altro di non avere offerto ai suoi concorrenti informazioni «complete e dettagliate» sul suo sistema operativo Windows, un addebito - questo - già al centro del verdetto di Monti.