Migliaia in piazza contro Zapatero

Centinaia di migliaia di persone sono di nuovo scese in piazza ieri a Madrid, convocate dalla Associazione vittime del terrorismo (Avt) con l’aperto sostegno dell’opposizione di centrodestra, contro il negoziato con gli «assassini» dell’Eta voluto dal governo Zapatero. Ma il premier ha detto che «la grande maggioranza» degli spagnoli è con lui. È la quarta manifestazione convocata dall’Avt e la prima dopo la «tregua permanente» dichiarata dal gruppo armato basco il 22 marzo scorso e che ha aperto la porta al negoziato. Il leader dell’Avt, Francisco José Alcaraz, ha detto che questa è una giornata per «onorare tutte le vittime del terrorismo» di qualsivoglia matrice e ha affermato che «le vittime sono le prime a voler la fine del terrorismo, ma non a qualsiasi prezzo». Alcaraz ha accusato il governo di essere «sotto ricatto da parte dell'Eta» e lo ha invitato «a negoziare con le vittime non con i terroristi».