Migliorano impieghi e raccolta (+10,7%)

Utile netto a quota 123 milioni per la Banca Popolare di Sondrio a fine settembre. La cooperativa presieduta da Piero Melazzini ha spinto gli aggregati patrimoniali, a riprova del sostegno offerto al territorio: la raccolta complessiva è salita del 10,75% su base annua a 44.639 milioni. Bene anche i crediti verso la clientela (20.459 milioni, più 19,86%) e le sofferenze pari allo 0,98% dei crediti. A settembre l’utile è tuttavia sceso del 29,83%, complice probabilmente la contrazione dei margini dovuta ai bassi tassi di interesse. Il deprezzamento di attività in portafoglio - per circa 33 milioni, Cct - riflette la debolezza dei corsi delle emissioni governative, sottolinea la Popolare di Sondrio. Il patrimonio netto è salito a 1.703 milioni (+6,3%); la banca conta 305 agenzie e oltre 167mila soci.