Mike e Goggi: facciamo quiz alle ragazze

da Milano

Quest’anno le miss rischiano di rimanere in ombra. La scoppiettante coppia Bongiorno-Goggi, anche a non volerlo, si prenderanno tutta la scena. Se poi a Mike scapperà qualcuna delle gaffe che l’hanno reso famoso, non ci sarà partita. Bastava vederli alla presentazione di Miss Italia (su Raiuno il 20-21 e 23-24 settembre) qualche giorno fa a Milano: allegri, frizzanti, dalla battuta pronta, pieni di adrenalina, a dispetto della loro veneranda età. Per Bongiorno sono 83, per Loretta 57. Carichi di anni di televisione sulle spalle, per tutti e due si tratta di un ritorno in Rai: Mike prestato da Mediaset e Loretta prestata dal teatro. «Mio marito non mi lasciava andare in costume sull’Isola - scherza - così non sono più tornata in Rai. Ho accettato Miss Italia perché mi danno la possibilità di fare quello che so fare: spettacolo».
Sarà divertente seguire il contrasto tra i due professori della televisione (a Bongiorno a novembre verrà anche consegnata la laurea ad honorem) e le giovanissime aspiranti miss Italia. Tanto che per riuscire a mettere insieme un po’ di sano spettacolo alla bellezza delle ragazze in costume da bagno, si è deciso di tramutare le miss da mute statuine a giovani donne in grado (si spera) di parlare e danzare. «Il concorso era un po’ lento - spiega Mike - far sfilare cento ragazze ogni volta era pesante, così abbiamo pensato di farne vedere solo 50 a sera e soprattutto di coinvolgerle». Così, la Goggi sarà una specie di insegnante e le sue allieve dovranno imitarla in piccole coreografie, mentre Mike (nella terza sera) le sottoporrà ai quiz di cui è storicamente un mago: «Sì, però - dice lui - non voglio far fare brutta figura a nessuno. Quindi le domande non saranno di cultura, ma riguarderanno temi divertenti, come il gossip o l’economia domestica (un tema, diciamo, un tantino datato!), perché queste donne prima o poi diventeranno mogli». Anche se Bongiorno sa benissimo che le ragazze che mostrano le gambe a Salsomaggiore tutto hanno in mente tranne che diventare spose. «Lo so vogliono diventare vallette - dice Mike». E aggiunge: «Ma meglio che passino per un concorso pulito come Miss Italia piuttosto che facciano carriera grazie agli scandali in cui sono coinvolte»... il riferimento è ovviamente a Vallettopoli.