Mike ritorna alla Rai: condurrà Miss Italia e anche qualcos’altro

Bongiorno firma per la tv pubblica ma non è un contratto in esclusiva

Roma - «Mike ha firmato!». Suonerà magari un tantino eccessivo; ma il tono misto di sollievo e trionfo con cui, ieri alle 19,42 esatte, la Rai ha diramato alla stampa le tre suddette, stringatissime parole, dà un'idea di quanta sospirosa attesa circondasse la notizia. Mike ha firmato. Ha accettato, cioè, di tornare (non solo temporaneamente?) in Rai, per presentare la prossima edizione di Miss Italia. Confermando così voci e smentite che da giorni si rincorrevano fra gli agitati corridoi di Viale Mazzini. E - soprattutto - autorizzando verosimili ipotesi sul presumibile futuro dell'ottantatreenne, amatissimo e ormai leggendario decano dei presentatori tv.

Riassumendo: da circa tre mesi, da quando cioè il programma di Simona Ventura Colpo di genio aveva fatto un inatteso flop, il nome del successore di Carlo Conti e Fabrizio Frizzi alla guida del concorso di Salsomaggiore rimaneva per la Rai una complicata incognita. Patrizia Mirigliani, figlia del novantenne patron della gara, aveva infatti decretato un assoluto «niet» all'ipotesi-Ventura, originale come idea (la prima donna alla guida del concorso sulla più bella delle italiane) ma ritenuta ormai troppo rischiosa. S'era scatenato allora il toto-presentatore, all'insegna delle più svariate ipotesi (da Bonolis a Fiorello, passando per Luciana Littizzetto), finché il nome di Mike aveva cominciato a mettere d'accordo le necessità dell'ascolto, della popolarità, e del prestigio del personaggio. Ma solo ieri, dopo che Bongiorno era giunto in viale Mazzini alle 12, e s'era chiuso nell'ufficio del direttore generale Claudio Cappon assieme alla moglie Daniela - dirigente dell'azienda di famiglia, la «Bongiorno spa» - al direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce, al capostruttura De Andreis e a Lorenza Lei, incaricata dei contratti Rai, era partita la trattativa-maratona. «Quasi cinque ore di lavoro - commenta l'ufficio stampa dell'azienda - dalla quale sono usciti tutti stremati, e la cui durata-fiume dà un'idea della complessità del progetto». Alla fine l'annuncio ufficiale: dal 20 al 24 settembre prossimo, fra le sgambettanti miss tricolori ci sarà proprio lui, l'immarcescibile Mike.

I dettagli si avranno solo domani, in una conferenza stampa a Milano (visto che, stanchissimo, Bongiorno è voluto tornare immediatamente a casa, a bordo del suo aereo privato); ma pare certo che al suo fianco non ci sarà, come supposto, Paola Barale, e che l'idea di ricostituire la coppia de La ruota della fortuna non sia stata nemmeno posta sul tavolo. Sembra invece quasi sicuro che il contratto con la Rai non riguardi solo Miss Italia, ma rappresenti un vero e proprio pacchetto: comprenda cioè l'ipotesi di altri programmi. Il che segnerebbe un vero e proprio ritorno a casa del grande Mike, da venticinque anni fedelissimo in casa Mediaset, ma da qualche tempo scalpitante di effettuare, quasi a romantica conclusione della sua carriera, una sorta di chiusura del cerchio. Definitivamente decaduta, infine, sembrerebbe la ventilata ipotesi d'una serie di puntate dedicate alla storia della tv, «riguardo le quali un po' di tempo fa Bongiorno aveva stabilito una sorta di accordo, con l'allora direttore generale Meocci - fanno sapere dall'ufficio stampa - ma che non s'era poi mai concretizzato in un vero e proprio contratto».