Il Milan batte l'Udinese, Balotelli torna al gol

SuperMario sblocca il risultato, poi Bonaventura e Zapata. L'Udinese tenta la rimonta, ma finisce 2-3

Il Milan sbanca il Friuli, grazie a un primo tempo praticamente perfetto. Le reti di Balotelli, Bonaventura e Cristian Zapata, in 45’ di gioco, sono sufficienti ad assicurare i tre punti alla squadra di Sinisa Mihajlovic, sebbene con qualche sofferenza di troppo nella ripresa. La rimonta tentata nella ripresa dall’Udinese non riesce.

Neanche 5’ di gioco e si confeziona subito il vantaggio. Prima Balotelli si prende una punizione dal limite dell’area di rigore, da posizione defilata sulla sinistra. E poi la pennella nel sette della porta difesa da Karnezis, che non fa altro che guardare la palla finire in fondo al sacco. Il primo tempo è tutto del Milan. L’avvio del Diavolo è fulminante. Dopo appena 10’ di gioco la squadra di Sinisa Mihajlovic è già in doppio vantaggio. Al gol di Balotelli, replica non più tardi di 5’ Bonaventura con uno stop in area e piatto sinistro nell’angolino opposto, su un assist perfetto di Montolivo, sempre pronto a dettare le geometrie di gioco. Udinese non pervenuta. La squadra di Colantuono, costretto a rinunciare all’ultimo anche a Danilo, sofferente a causa di una contusione, sembra in balia completa dei rossoneri. Tanti passaggi sbagliati, poche idee di gioco e praticamente nessuna occasione. A darle quello che potrebbe sembrare il colpo di grazia, ci pensa Zapata nel primo dei due minuti di recupero concessi dal direttore di gara, appostato sul secondo palo, pronto a deviare in rete il cross di Bonaventura.

Ma la gara è tutt’altro che virtualmente chiusa. Colantuono prova a giocarsi il tutto e per tutto. Nell’intervallo lascia negli spogliatoi Piris e manda in campo al suo posto un attaccante, Duvan Zapata, per dare una veste più offensiva alla sua squadra, che si dispone in campo con un 4-3-3. Si intuisce subito che qualcosa è cambiato. È il 7’ della ripresa quando parte dal piede del colombiano il tentativo di rimonta friulano. Duvan Zapata fa partire un cross dalla sinistra. Bruno Fernandes prolunga il pallone per la botta di Badu che sorprende Diego Lopez. Al 13’ è proprio lui ad accorciare ancora le distanze, sul secondo palo, sul cross di Thereau, bravo a liberarsi della difesa rossonera sulla sinistra. Costretto a privarsi subito in avvio di ripresa di Calabria, Mihajlovic prova a dare maggiore consistenza alla sua squadra con la staffetta Honda-Poli e Bacca-Luiz Adriano. Ma il Milan rimane solo la brutta copia di quello visto nella prima frazione di gara. Tiene comunque abbastanza per evitare il terzo gol dell’Udinese.

Commenti
Ritratto di MelPas

MelPas

Mer, 23/09/2015 - 00:30

Continua cosi, con serietà e passione. Bravo. MelPas.

precisino54

Mer, 23/09/2015 - 09:25

Quello di ieri è il Balo che serve, al Milan come a qualunque altra squadra, nazionale compresa. Micidiale nel tiro, punizione degna del miglior specialista, avesse tirato Pirlo o Messi i giornali sarebbero pieni dei peana di gloria; capace di attrarre su di se gli avversari e di svicolare nello stretto con palleggi da giocoliere, che hanno indispettito gli avversari che lo hanno bastonato meritandosi tanti gialli. Ma l’aspetto migliore è stato il suo non reagire alle provocazioni, quasi fosse insensibile ai fischi e al continuo fallo. Se continua su questa strada potrebbe essere la carta vincente, da milanista me lo auguro; da italiano pure! anche se so bene che i media non saranno teneri al suo primo sbaglio.