Milan, Champions amara Troppo Rooney a S. Siro

Rossoneri in vantaggio con Ronaldinho. Pareggio fortunoso di Scholes, poi gli inglesi dilagano con un doppio Rooney

Milano - Il Milan domina e non segna. A Wayne Roneey, invece, basta poco, pochissimo. Due palle e via. Una doppietta nel secondo tempo che ammazza i rossoneri a San Siro. Più pesante di quanto non sia stato il gol casuale (colpo di tibia dopo aver mancato l'impatto con il pallone con il piede) di Scholes a fine primo tempo. E meno male, per Leonardo, che Seedorf, gettato nella mischia nel finale confuso, infila di tacco la rete della speranza per il ritorno. E' 3-2 alla fine per i Diavoli rossi, con una piccola lezione di praticità da parte del vecchio e saggio Ferguson al neofita della panchina Leonardo. Un tempo per uno, è vero, una volta di più ancora la conferma, però, che Salomone, equanime re e giudice biblico, nel calcio poco avrebbe potuto. Basta un quarto d'ora di furia inglese, a metà secondo tempo, per mettere in ghiaccio il risultato. E al ritorno, al di là della fiducia di Leonardo ("Abbiamo giocato bene, la sconfitta è immeritata. Passare il turno è possibile"), per il Milan sarà durissima.

Primo tempo Milan Partono fortissimo i rossoneri. Al 3' arriva già il vantaggio. Punzione dalla tre quarti di Beckham, Evra rinvia male in rovesciata e Ronaldinho dal limite gira in porta. Decisiva, per battere Van der Saar, la deviazione di Carrick. Al Milan non sembra vero. Il Manchester pare già in ginocchio. Al 7' Pato parte palla al piede e semina il panico, poi serve ancora Dinho sulla sinistra. Il brasiliano rientra e batte a giro: ma il portiere olandese blocca. Passano tre minuti e la palla buona è per Antonini: discesa di 50 metri di Thiago Silva, filtrante in area per il terzino che però tira fuori. Il Manchester bussa con un siluro di Roonery da fuori area: bersaglio mancato. Poco dopo la mezz'ora due palle d'oro per Huntelaar. Prima spara dal limite, ma Evra mette in corner. Poi, imbeccato con un passaggio al bacio di Ambrosini, sbaglia di poco in spaccata. Al 36' il pareggio degli inglesi. Antonini è infortunato a bordo campo. Fletcher se ne va proprio dalla sua parte, mette al centro e Schloes trova la deviazione decisiva di tibia (della gamba d'appoggio): palo e rete del pareggio.

Secondo tempo Manchester Riparte convinto il Milan. Al 3' Favalli centra dalla tre quarti: Pato di testa manda altro sopra l'incrocio. Poi, è il 7', Pirlo su punizione fa volare Van der Saar. Quindi si sveglia il Manchester. Ed è un risveglio letale per San Siro. Al 18' Rooney, lanciato in contropiede, spara su Dida. Ma tre minuti più tardi non perdona. Valencia crossa da destra: l'attaccante di Liverpool stacca sulla testa di Bonera e di zucca pesca il secondo palo. Dida è fermo a guardare. Al Milan tremano le gambe: tanti sforzi e nessun risultato. I Diavoli rossi spingono ancora. Al 29' Fletcher crossa dalla tre quarti. Nesta e Thiago Silva sono fermi. Rooney si infila e batte Dida, ancora di testa. Potrebbe essere il tracollo. Ma l'ingresso di Seedorf e Inzaghi ridà fiato ai padroni di casa. L'assist di Ronaldinho (al 39'), il tocco fatato di tacco di Seedorf regalano il 2-3 della speranza al Milan. Poi Inzaghi e Thiago Silva, nel finale, sparano alta e fuori le due occasioni del pareggio. Per il ritorno all'Old Trafford c'è speranza, ma questi ottavi di Champions per i rossoneri sono una montagna da scalare.