Milan e Lione, caccia a Trezeguet Henry ha deciso: "Vado al Barça"

L'ex Gunners al Barcellona libera Eto'o, che punta a Milano. Rossoneri sul francese solo se cedono Gilardino. Iaquinta e Barzagli in bianconero. Dall’Inghilterra: Tevez piace all’Inter. Moratti ha quasi chiuso per Suazo

Thierry Henry si sarebbe accordato con il Barcellona con un contratto triennale e un ingaggio da 6 milioni di euro a stagione. Con l’Arsenal non sarebbe stato ancora raggiunto un accordo ma l’indiscrezione arriva da France Football e se confermata diventerebbe il colpo grosso di questo mercato, mentre proprio in questi giorni è arrivata la conferma che Arsene Wenger resta per un’altra stagione alla guida del club londinese, tecnico al quale Henry è particolarmente legato. Ma l’Espanyol ha causato un disastro che potrebbe assumere proporzioni impensabili, non ha solo tolto il titolo al Barcellona ma ne sta causando una vera rifondazione con ripercussioni possibili anche a livello societario. Con la sola eccezione di Leo Messi, tutti gli altri sono trattabili, Gudjohnsen, Ezquerro, Motta e Sylvinho, considerati quinte ruote, sono nella casella delle cessioni, il quotidiano Sport aggiunge anche i nomi di Marquez, Edmilson, Gio e Thuram, considerati con un piede già fuori, Giuly vicinissimo alla Fiorentina. Le stelle Eto’o e Deco affatto intoccabili, tutti in discussione dopo una stagione incostante, perfino Ronaldinho. Squalificato per la gara con l’Espanyol, l’ex pallone d’Oro era atteso negli spogliatoi del Camp Nou per caricare il gruppo nella partita più importante della stagione ma da parte di compagni di squadra e dirigenti è stata un’attesa vana, così come per i tifosi in quanto era poi atteso in tribuna. La stampa spagnola parla apertamente di nuova rottura nei rapporti fra Ronaldinho e il Barcellona e sospetta che sia stata una mossa programmata del fenomeno brasiliano, stanco di restare a Barcellona. Ambiente in ebollizione ma l’unico indizio resta l’arrivo di Thierry Henry che allontana Samuel Eto’o.

Cambia aria anche David Trezeguet, protagonista di un gesto plateale e sincero, ha ricevuto circa una ventina di milioni di euro dalla Juventus nei suoi sette anni di permanenza, ha contraccambiato con 140 reti, non è mai facile lasciare in queste condizioni. Non ha accettato il rinnovo offerto dall’ad Blanc, Lione e Valencia gli possono garantire 3,5 milioni a stagione, sono le destinazioni probabili, esclusa quella interista, possibile quella milanista se Gilardino, che continua a mandare segnali alla Juve, rientrasse in gioco. L’arrivo di Vincenzo Iaquinta non sposta il problema, ieri Giampaolo Pozzo, patron dell’Udinese, ha confermato il passaggio dell’attaccante alla Juventus che perso Trezeguet resta alla ricerca di una prima punta. Andrea Barzagli invece è il primo rinforzo difensivo.

L’Inter sta per chiudere con Suazo, l’accordo con il Treviso per Acquafresca che andrà in comproprietà è stato raggiunto, oggi incontro con Andreolli che dovrebbe accettare il prestito per una stagione, oltre a 9 milioni di euro a conguaglio per Cellino. Marco Borriello sarebbe il centravanti scelto per sostituire l’honduregno, il brasiliano Juan invece dovrebbe chiudere il buco lasciato da Chivu. La Roma non molla, l’Inter non forza per un difensore che sarà libero al termine della prossima stagione e al quale ha offerto un triennale a 4,5 milioni. In Inghilterra continuano a scrivere di un interessamento dell’Inter per Carlos Tevez che avrebbe espresso il desiderio di venire a giocare in Italia, scartando l’ipotesi Manchester United che ha offerto 18 milioni di euro per il suo cartellino. Operazione non impossibile, comunque mai quanto un ritorno di David Beckham al Real.

«Non è cambiato nulla - ha dichiarato Alexi Lalas, general manager dei Los Angeles Galaxy -. Noi non vediamo l’ora che Beckham arrivi qui». Il centrocampista inglese si trasferirà negli Stati Uniti a luglio, ma dopo le sue recenti prestazioni, il Real Madrid sarebbe intenzionato a trovare una soluzione per farlo restare in Spagna sfruttando una clausola nel suo contratto con la franchigia americana. Ma per Lalas l’accordo con Beckham è inattaccabile: «Non ci sono speranze che il Real riesca a trattenere Beckham. Per quello che ci riguarda questa nave ha già lasciato il porto». Ma più che la nave a chiudere ogni discorso sono i 10 milioni di penale che Ramon Calderon dovrebbe sborsare per riportare Beckham a Madrid.