Milan, la Fossa dei Leoni non ruggisce più

Lo storico gruppo di tifosi si è sciolto dopo i litigi per uno striscione rubato

La «Fossa dei leoni», il più importante gruppo di tifo organizzato del Milan, si è sciolto. Ad annunciarlo è un comunicato pubblicato sul sito del gruppo. «Siamo giunti all'amara ma orgogliosa decisione di scioglierci e chiudere così la meravigliosa avventura della Fossa dei Leoni» è scritto.
Dietro lo scioglimento del gruppo ci sarebbero alcuni dissidi interni sorti dopo la gara Milan-Juve. «Questa storia - si legge nel comunicato - ha posto in evidenza punti di vista ormai inconciliabili all'interno della nostra curva». I dissidi nati all'interno del gruppo avrebbero fatto seguito a una «guerra di striscioni». In occasione dell'ultima gara tra Milan e Juventus, lo scorso 29 ottobre, tifosi rossoneri hanno sventolato alcune bandiere appartenenti ai «Viking», bandiere rubate, secondo la ricostruzione dei tifosi bianconeri, dopo che i tifosi della Juventus, in partenza per la trasferta di Lecce (una settimana prima di Milan-Juve), le avevano dimenticate in uno zainetto abbandonato e trovato dai tifosi rossoneri. Da qui, la «rappresaglia» dei «Viking» che avrebbero fermato, nella notte di mercoledì 2 novembre, un'auto con a bordo ultras della «Fossa dei Leoni» di ritorno dalla trasferta di Eindhoven facendosi consegnare lo striscione della «Fossa dei Leoni». Le due tifoserie si sarebbero poi restituite striscioni e bandiere. Ma la vicenda ha avuto strascichi tra gli ultras del Milan.