Milan, la grinta di Ronaldo: Inter? Noi siamo più forti

Il Fenomeno si confessa a Milanello: "In qualsiasi competizione siamo noi i favoriti. Per quanto mi riguarda sono il giocatore in più di questa squadra. Sto recuperando, spero di essere pronto presto"

Milanello - Orgolio rossonero. Non dite a Ronaldo che l’Inter parte favorita in campionato e che è un gradino sopra il Milan. Lui, il Fenomeno ex idolo del popolo nerazzurro, non la pensa esattamente così. "Secondo me il Milan non parte un gradino sotto nessuna squadra. Anzi - ha dichiarato oggi l’attaccante brasiliano in conferenza stampa - il Milan in qualsiasi competizione sarà sempre favorito, per la squadra che abbiamo e per il rispetto che le altre squadre hanno per noi. Abbiamo una grande storia. Certo anche il Milan dovrà rispettare a sua volta e dimostrare il valore sul campo, le partite si vincono sul campo, mai prima".

Ha una gran voglia Ronie, sa che questa può essere la sua grande stagione. Arrivato in rossonero lo scorso gennaio, Ronaldo ha contribuito a suon di gol alla rimonta che ha permesso al Milan di centrare il quarto posto, adesso parte alla pari con i compagni e non vede l’ora che arrivino le vere partite. Anche perché il Fenomeno non può ancora giocare le amichevoli dal momento che è alle prese con un infortunio. "Spero di essere pronto presto, sto bene, sto guarendo, si trattava di una piccola contrattura - spiega Ronaldo -. Per fortuna ho ancora tempo per essere prontissimo per la prima di campionato. Le amichevoli sono importanti per la preparazione. Ho fatto 10 giorni di preparazione, sono andati molto bene, purtroppo c’è stato questo piccolo problema, ci siamo fermati ma adesso riprendiamo. Abbiamo il tempo per fare il resto della preparazione, dopo la prima partita avremo la sosta per la Nazionale e in questo periodo approfitterò anche per recuperare questa settimana persa".

Ancelotti si aspetta tantissimo da Ronaldo, lo ha detto lo stesso tecnico rossonero durante il torneo di Mosca, spiegando che il Fenomeno sarà la sorpresa di quest’anno. "Credo che, a parte la fiducia che ha il mister nei miei confronti, sarà fondamentale anche la mia voglia, la voglia di tutta la squadra di fare bene, di confermare un’altra buona stagione: sono tutti stimoli per noi. Il fatto quest’anno di partire dall’inizio, di poter giocare anche in Champions per me è importante. Partire dall’inizio mi permette di fare la preparazione, da un pò di anni per diversi motivi non lo facevo. Poi, da subito, essere disponibile in tutte le competizioni mi fa molto piacere. Non mi sento un nuovo acquisto, ma un giocatore in più, con una motivazione enorme che voglio trasmettere alla mia squadra, dare il mio contributo sempre, in partita e in allenamento. Di fare questa squadra ancora più forte, partire dall’inizio vuol dire che saremo competitivi dall’inizio fino alla fine".