Milan senza punte Mercoledì Borriello visitato in Belgio

Non è un allarme, ma poco ci manca. Il ginocchio di Borriello fa «crac» (il napoletano mercoledì volerà in Belgio, ad Anversa, per sottoporsi ad una visita specialistica con il professor Marc Maertens) e Ancelotti rimane, di colpo, senza una punta. Con l’ex attaccante del Genoa e Inzaghi fermi ai box, Pato e Ronaldinho impegnati con la selezione olimpica brasiliana e Kakà ritornato dalle vacanze solamente da una settimana, la società rossonera corre ai ripari ritardando la cessione di Alberto Paloschi al Torino. Se ne riparlerà, probabilmente, solo quando Borriello sarà a posto. Qualora, invece, la sua assenza dovesse prolungarsi, allora si aprirebbero nuovi scenari di mercato.
Nel frattempo Andrea Pirlo ha giurato amore eterno alla causa rossonera: «Ho un contratto ancora lungo e credo che non ci sia una squadra migliore di questa, è una tra le squadre più forti. Spero di chiudere la mia carriera qui, ho ancora due anni di contratto e spero di rinnovarlo per altri anni ancora». Poi sul prossimo campionato: «Credo che ci siano quattro squadre oltre al Milan a lottare per lo scudetto: Inter, Roma, Juventus e Fiorentina. Ronaldinho? Purtroppo non ho ancora avuto la fortuna di vederlo e di conoscerlo. Sono molto contento comunque della grande campagna acquisti che ha fatto il Milan».