Il Milan trova i giapponesi

YOKOHAMA. Milan-Urawa Reds: ecco la semifinale di giovedì sera, qui a Yokohama. Sotto gli occhi di Costacurta, osservatore speciale di Ancelotti, i giapponesi di Saitama, città della Mitsubishi, dispongono facilmente (3 a 1) degli iraniani del Sephaan per la felicità del pubblico di casa scatenato (tifo infernale, all’europea) e del tecnico, il tedesco Osieck. Velocità e aggressività le loro qualità migliori. Il Milan prepara a ritmo intenso la sfida: ieri due allenamenti, uno a porte chiuse per collaudare lo schieramento della prima partita. Dida è ancora fermo (lombosciatalgia) ma è recuperabile, Ronaldo rimarrà nella lista dei 23 anche se non utilizzabile (il ballottaggio finale sarà tra Simic e Favalli: escluso quasi sicuramente il primo). Altra cerimonia per Kakà, intervenuto alla presentazione della sua nuova scarpa.