Milan, vertice di mercato Tra Pirlo e Luis Fabiano

Appuntamento alle 12 a Milanello per il faccia a faccia (rinviato) tra Berlusconi, Galliani e Leonardo: da definire gli acquisti per la prossima stagione. Il centrocampista verso il Chelsea, spunta l'idea Fabregas

Milano - Niente da fare, slitta tutto. È stato rinviato a domani il vertice di Milanello tra il presidente del Consiglio e patron rossonero, Silvio Berlusconi, e il vicepresidente del club milanista, Adriano Galliani. Al centro dell’incontro inizialmente previsto oggi per mezzogiorno, a cui dovrebbe partecipare anche l'allenatore Leonardo, la campagna acquisti del Milan per la prossima stagione di campionato. Si prolunga, dunque, la trasferta milanese del premier, previsto di rientro a Roma domani, probabilmente dopo il vertice di Milanello.

Argomenti caldi Due cessioni eccellenti, un altro simbolo con le valigie già pronte, colpi mancati, tante ipotesi e un solo acquisto a parametro zero. È il bilancio magro del mercato milanista, su cui domani farà luce il numero uno del club atteso a Milanello per un vertice all’ora di pranzo con Galliani e Leonardo. Il summit, rinviato di un giorno per impegni politici del presidente del Consiglio, arriva dopo un mese di preparazione in cui il Milan ha messo in evidenza tutto il vuoto lasciato da Kakà in una rosa troppo corta per competere ai massimi livelli in Italia e in Europa: un concetto chiarito sia da Leonardo, sia da Rino Gattuso.

Pirlo che fa? Eppure la prima questione su cui sarà chiamato ad esprimersi il patron rossonero è un’altra cessione, quella di Andrea Pirlo. Galliani potrebbe sottoporgli la nuova offerta del Chelsea: 12 milioni di euro più Claudio Pizarro. È probabile che a queste cifre l’affare si possa fare e l’attaccante cileno, che non convince né la dirigenza né lo staff tecnico rossoneri, possa essere utilizzato come pedina di scambio con il Siviglia per arrivare Luis Fabiano. Il secondo passo sarà decidere come gestire la cifra incassata.

Fabregas o Diarra Suggestiva più che altro è l’idea che porta a Cesc Fabregas. Lo spagnolo, classe 1987, ha l’età che piace a Berlusconi, il talento e l’esperienza per sostituire Pirlo, e al Milan verrebbe molto volentieri ma non costa meno di 35 milioni di euro. Ecco perchè, ora come ora, sembra più realistica la pista che porta a Mahmadou Diarra: tutt’altre sono le caratteristiche tecniche, ma soprattutto il prezzo (meno di 10 milioni), per un giocatore reduce da qualche guaio fisico e ai margini del progetto del Real Madrid.

De Silvestri in difesa Infine, punto assai caro a Leonardo, ci sarebbe da trovare un terzino in grado di dare la spinta utile al suo modulo. Oddo non convince, così si cercherà di proporre uno scambio con la Lazio per De Silvestri, in questi giorni però molto vicino alla Fiorentina. Insomma, le idee sono tante, ma finchè non si esprimerà Berlusconi resteranno tali. Anche la squadra, senatori in testa, attende un segnale dal patron, mentre gli abbonamenti vanno a rilento, sui forum dei tifosi abbonda lo scetticismo, e oggi Galliani è stato insultato da un contestatore davanti alla sede del club.