Milanesiana, da Brian Eno a Umberto Eco

Il 21 notte bianca: cantano Morgan e Cammariere

Marina Gersony

Letteratura, musica e cinema: sono le tre parole chiave che anche quest'anno caratterizzano «La Milanesiana», la tradizionale rassegna estiva di appuntamenti culturali, promossa dalla Provincia e resa possibile anche grazie ai numerosi sponsor. Ricchissimo il programma presentato ieri al Teatro Dal Verme alla presenza tra gli altri dell’assessore alla Cultura della Provincia, Daniela Benelli, e di Elisabetta Sgarbi, ideatrice e direttore artistico della manifestazione.
Gli eventi si svolgeranno in diversi punti strategici della città, dal 7 al 21 luglio e come sempre all'insegna della contaminazione tra le arti: Teatro Dal Verme, Spazio Oberdan, Triennale e non solo. Si prevedono dunque giorni «caldi» in un susseguirsi di concerti, letture, conversazioni collettive, proiezioni cinematografiche, performance musicali notturne, chiacchierate di filosofia con illuminanti studiosi, notti bianche, albe a sorpresa e aperitivi con gli autori (vedi box). Per la serie: di tutto di più. Dopo la vernice dell'installazione di Brian Eno il 6 luglio alla Triennale, la manifestazione si aprirà ufficialmente il 7 luglio con un incontro al Teatro Dal Verme fra Jostein Gaarder (Il mondo di Sofia), Michael Cimino (noto regista Usa) e l'archietto Mario Botta che si confronteranno su temi legati a «Immagini del desiderio». Ma saranno un'ottantina i protagonisti della kermesse, nomi celebri dello star system intellettual-globale. Citiamo alla rinfusa: Umberto Eco (parlerà di «Bruttezza»); Madredeus (i mitici del fado che incontreranno l'altrettanto mitico Wim Wenders); Eumir Deodato (compositore cult e arrangiatore qui in veste di concertista); Piergiorgio Oddifreddi, l'irriducibile matematico; George Romero («Il re degli zombi»); Azar Nafisi (autrice del bestseller «Leggere Lolita a Teheran»). E ancora (ma non sono tutti): Marco Morgan Castoldi, Hans Küng, Roberto Calasso, Jay McInerney, Lilli Gruber, Younis Tawfik, Khaled Fouad Allam e non ultima l'attesissima Marianne Faithfull, ex moglie dark di Mick Jagger - nonché figlia di un filologo e della baronessa von Sacher Masoch - che si cimenterà nella lettura dal vivo di versi che si preannunciano piccanti e all'insegna di eros, innocenza e sapienza.
Nella sezione dedicata alla letteratura, merita uno spazio particolare la performance di Alessandro Bergonzoni. Conclude nell'illustrare il programma Elisabetta Sgarbi: «Voglio ricordare che nel corso della "Notte Bianca Stregata" potremo assistere alle esibizioni di Renato Sellani, jazzista di culto, Ivan Segreto, Mauro Pagani, Giovanni Sollima, del cantautore Sergio Cammariere, del pianista Cacciapaglia e di Marco Morgan Castaldi che, con il “Concerto dell'alba” alle 6 del 22 luglio chiuderà idealmente La Milanesiana». Ci sarà anche un concerto di Elio e le Storie Tese.