Milanetto, Fabiano, Leon primi in una classe di bravi

RUBINHO 6.5. Prima di arrendersi al gol di De Prado, dice di no allo stesso brasiliano e quando serve dimostra grande sicurezza. È sfortunato in occasione della rete subita perché urta il palo con il volto ed è costretto ad uscire. (Dal 30’ st Scarpi 6.5. Non era facile entrare al Picco nell’ultimo quarto d’ora. Ma lui non si fa mai sorprendere).
BEGA 6.5. Gioca non al meglio della condizione fisica ma stringe i denti e non fa mai passare gli avversari.
STELLINI 7. Gasperini sceglie l’esperienza per sostituire De Rosa. Prestazione impeccabile. Un unico neo quando rinvia su Guidetti che per poco non fa il gol da Gialappa’s.
CRISCITO 7. Gioca una gara puntigliosa e senza sbavature. In più infarcisce il match con giocate tecniche di categoria superiore. Decisivo il suo gol.
ROSSI 7.5. È da tutte le parti e sfonda ripetutamente con Leon sulla fascia destra dove il suo omonimo Giovanni Rossi non riesce a tappare le falle. Risulta determinante anche quando si mette nel fortino a fare da contraerea.
JURIC 7. Gioca la partita tutta generosità ed è l’ultimo a finire la benzina quando i suoi compagni non riescono più a contenere il forcing dello Spezia.
MILANETTO 7.5. Sale in cattedra sin dal primo minuto ed in più fa un pressing asfissiante su Saverino e Frara. Anche lui perde un po’ di smalto nell’ultimo quarto d’ora quando il Genoa resta in dieci per l’infortunio ad Adailton.
FABIANO 6.5. Sulla corsia di sinistra incide meno del solito anche perché Di Vaio non lo sorregge a sufficienza. Tatticamente è perfetto ma è meno evoluto in altre circostanze.
LEON 7.5. Fa il bello e il cattivo tempo. Salta costantemente il suo avversario diretto, il frastornato Rossi, e serve assist a ripetizione a Gasparetto e Di Vaio, forse la miglior partita da quando è arrivato in rossoblù. (Dal 29’ st Masiello 6. Il granitico difensore non bada a fronzoli e non corre mai rischi).
GASPARETTO 6.5. Anche se non al meglio della condizione dimostra di essere imprescindibile per questo Genoa, lotta, si fa spazio, arriva a concludere in rete. È l’ABC del bomber che serviva al Genoa. Con lo Spezia gli difetta solo la mira anche per la bravura di Santoni.
DI VAIO 6.5. Non gioca un gran match e dopo un’ora Gasperini lo manda sotto la doccia, ma ha il grande merito di tramutare in rete una palla sporca da un calcio d’angolo. Deve crescere ancora. (Dal 16’ st Adailton sv La sua felicità per il rientro dura poco, infatti, Ponzo fortuitamente gli provoca una brutta ferita al volto che costringe il brasiliano all’ospedale. Jellato).
All. GASPERINI 8. Stravince tatticamente il duello con Soda e si vendica così della sconfitta subita all’andata. Il Genoa in fondo soffre solo quando resta in inferiorità numerica mentre la sua superiorità non è mai in discussione.
Arbitro MORGANTI 7. Adotta il buon senso e la personalità in un match mai cattivo e difficile.