Il milanista Abbiati in porta per un anno Presi Lanzaro e Markovic

Le chiavi della porta genoana le ha prese lui, Christian Abbiati. Si parlava di questa possibilità da qualche settimana, l’operazione si è concretizzata ieri mattina: il portiere si è recato in via Turati, nella sede del Milan, per parlare del suo futuro e c’è stato il semaforo verde del club rossonero. Prestito per dodici mesi al Genoa che si è riservato anche una possibilità: tra un anno, Preziosi potrà esercitare il diritto di riscatto sulla comproprietà, già fissato il prezzo di tre milioni di euro. In mattinata, c’è stata la stretta di mano, poi, in serata, ci sarebbe stato anche un incontro tra Abbiati, il suo procuratore Claudio Vigorelli, e il presidente del Genoa, Enrico Preziosi.
Con l’acquisto di Abbiati, il Genoa chiude un’operazione importantissima, la prima di quest’estate turbolenta condizionata dal caso sulla partita tra i rossoblu e il Venezia. Abbiati più Markovic e Lavezzi (già blindati durante l’inverno), il Genoa incomincia a nascere. E si guarda anche all’estero per individuare qualche ritocco: circola con insistenza il nome dell’esterno sinistro argentino Diego Placente che gioca nel Bayer Leverkusen. In uscita, dopo l’arrivo di Abbiati, ci sono Massimo Gazzoli e Alessio Scarpi che ha lo stesso procuratore dell’ex portiere rossonero: il Napoli sta seguendo il secondo, la trattativa si può fare. Mentre Crotone, Ascoli e Salernitana hanno chiesto informazioni su Gazzoli.
Il Genoa ha anche tesserato il difensore Maurizio Lanzaro, 23 anni, svincolato dalla Salernitana (contratto quadriennale), e il centrocampista serbo Marjan Markovic (pluriennale), ex della Stella Rossa. Gemiti, infine, giocherà nel Modena.