Milano, 25enne precipita dal Duomo e muore

Il giovane è caduto dalle guglie del Duomo: medici e infermieri hanno potuto solo constatarne il decesso. Gli investigatori cercano di capire se si tratti di un omicidio, di un incidente o di un suicidio. Più accreditata quest'ultima ipotesi: per gettarsi nel vuoto avrebbe scavalcato diversi parapetti

Milano - Un giovane di 25 anni è precipitato questa mattina dalle guglie del Duomo di Milano. I medici del 118 che non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Sul posto sono intervenuti gli uomini del 113. Al momento non è ancora chiaro se si tratti di suicidio o di un incidente.

I rilievi Attorno al lato di piazza Duomo dove ancora giace a terra il cadavere di un uomo precipitato dalle guglie, si è raccolta una folla di curiosi che, sgomenta, assiste alle prime operazioni di rilievo affidate alla polizia scientifica. Gli agenti hanno delimitato l’area del loro intervento con un nastro bianco e blu che ha tenuto a debita distanza i numerosi passanti, attirati dal telo verde che copre le spoglie dell’uomo e dal lavoro della scientifica che ha indicato con dei cartelli gialli i reperti trovati vicino alla salma. Dalle prime ricostruzioni della scientifica, il cadavere sarebbe quello di un giovane uomo di carnagione chiara presumibilmente italiano. Addosso al corpo non sono stati trovati infatti documenti di identità.

Il punto della caduta Stando alle primissime ricostruzioni della dinamica, l’uomo sarebbe caduto dal lato lungo del Duomo quello corrispondente alla navata sinistra verso via Vittorio Emanuele. Per precipitare l’uomo avrebbe scavalcato diversi parapetti, visto che il percorso destinato ai visitatori delle guglie è debitamente protetto. Gli agenti della polizia sono alla ricerca di alcuni testimoni oculari, visto che, al momento della caduta, un gruppo di persone che vi hanno assistito si sarebbero precipitate alla rinascente gridando "un uomo si è buttato dal Duomo".