Milano affida il suo carnevale a Leonardo

Da martedì la città invasa da giochi, maschere e allegria

«Il tema di Leonardo, che segue quello del Futurismo che ispirò la passata edizione del Carnevale consente alla città di coniugare il divertimento tipico del Carnevale con momenti di conoscenza di tratti importanti della storia di Milano e dei personaggi che l’hanno resa grande. Un divertimento consapevole perché Milano intende entrare con questa ricca programmazione nel circuito dei principali carnevali internazionali, coinvolgendo milanesi e turisti che sempre più scelgono Milano come meta». Ha così commentato l’Assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità, Massimiliano Orsatti alla conferenza di presentazione del Carnevale ambrosiano con al suo fianco due attori che impersonificavano Meneghino e Cecca.
Le atmosfere carnascialesche si potranno già assaporare giovedì quando in via Mercanti farà la sua comparsa La Fabbrica dei Coriandoli, nata da un’idea di Ambra Orfei; un info-point per fornire tutte le informazioni necessarie, informazioni reperibili anche allo I.A.T. e Informagiovani. Si tratta di una grande struttura ispirata alle macchine di Leonardo che, tra ingranaggi, sbuffi e grandi mantici, magicamente risucchierà riviste e vecchi quotidiani per trasformarli in gioiosi e colorati sacchetti di coriandoli che i bambini porteranno gratuitamente a casa. Il tutto si ispira al genio che per 25 anni lavorò a Milano.
Il clima allegro e festoso contagerà tutta la città dal centro storico alle periferie, passando per il Parco Sempione, il Castello Sforzesco e il Trotter fino alle zone dei navigli e della Barona. Ai più piccoli sono dedicate la maggior parte delle iniziative didattiche e ricreative come «L’uomo è la misura di tutte le cose» presso la Ludoteca del Parco Sempione dove clown, attori, mimi e ballerini metteranno in scena uno spettacolo che declinerà con indovinelli, scherzi e burle alcuni dei molteplici aspetti della genialità leonardesca: il volo, le proporzioni dell’uomo vitruviano e così via. Tematiche che potranno essere approfondite anche allo Sforzesco dalle ore 10 alle ore 16, dove un imperturbabile Leonardo da Vinci in persona, accoglierà con novelle e arguti indovinelli adulti e bambini, guidandoli in maniera divertente e insolita alla scoperta della mostra «Leonardo. Dagli studi di proporzione al Tratto di Pittura» attraverso suggestivi e angusti camminamenti tra le merlate del Castello Sforzesco. Lo stesso clima rinascimentale si potrà rivivere in piazza mercanti dalle 14 alle 18 con 30 giochi di legno e stoffa, fedeli ricostruzioni dei divertissement del XV secolo. Sotto il Loggiato di Piazza Mercanti sarà possibile esplorare il rapporto tra Leonardo e la città grazie alle riproduzionidi affascinanti «macchine» riprodotte a grandezza naturale come l’ala battente, l’argano per sollevare i pesi o il Ponte autoportante, tutti provenienti dal Museo della Scienza e della Tecnica.
Non mancheranno laboratori creativi. Due passi più in là, l’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele dalle 14 alle 19 ci si potrà fare truccare all’Atelier di acconciatura dove non mancherà un set fotografico 3D. In piazza Sant’Eustorgio dalle 11 alle 19 accoglierà l’appuntamento «Piccoli in scena» dove ogni bambino potrà indossare costumi e parrucche che ricordano le opere di Leonardo dando vita a un Tableaux Vivant che ripropone il tema del Cenacolo. Negli stessi orari in via Palestro nelle Sale del Museo di Scienze Naturali ci si potrà cimentare con paracaduti e aquiloni e assistere a lezioni di biologia dal titolo «Leonardo e gli scherzi della Natura».
Non mancano mistero e fascino in Piazza San Carlo con un gioco di specchi e sabato 9 al Centro Sociale Barrio’s inventori, scrittori e design si daranno appuntamento mentre al Parco Trotter andrà in scena il Leonard Day oltre alla coloratissima e tradizionale sfilata dei Carri allegorici, il tutto alle ore 15 con partenza dai giardini di via Palestro, Corso Venezia, san Babila e piazza Duomo, dove alle ore 21 Enrico Beruschi con i Fichi d’India faranno cabaret. Alle 22.30 sempre in Duomo andrà in scena Segreto di Utopia. Dalle 24 alle 4 agli East and Studios di via Mecenate 84 musiche e scenografie.