Milano attaccata dai terroristi: simulazione riuscita

da Milano

Sette minuti dopo l’esplosione il nucleo Ncbr dei vigili del fuoco esclude la presenza di «agenti chimici» sul Malpensa Express. La stazione Cadorna delle Ferrovie Nord è isolata dal resto della città che dietro le transenne osserva la capacità di reazione dei soccorritori e delle forze dell’ordine. Test preannunciato di un finto attacco dei kamikaze che dalle dodici ferma Milano.
Novanta minuti la durata della prova con più di duecento tra morti e feriti, comparse truccate con effetti da film. Simulazione con un attacco pure su un treno del metrò e all’aeroporto di Linate, dove i Gis dei Carabinieri «intercettano» un terrorista che sequestra un bus. Intervento che «prova il buon funzionamento del coordinamento, senza momenti di confusione o di sovrapposizione» commenta il prefetto Bruno Ferrante. Che ha ricevuto «le congratulazioni» del ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu «per l’elevato grado di efficacia operativa dimostrata».