A Milano brilla Luxottica

Vendite e timori su Atlantia

Chiusura in lieve rialzo a piazza Affari, la più debole in Europa, dove gli indici hanno invertito la rotta sul finale, trascinati dal rialzo di Wall Street. Il Mibtel è salito dello 0,02% e l’s&p/mib dello 0,17%. Ma il bilancio settimanale è negativo con il Mibtel in discesa del 2,89% e S&P Mib del 2,56%. I guadagni di Bpm (+3,69%), su cui Fitch ha confermato il rating e Fastweb (+3,16%), che ha beneficiato del «buy» di Goldman Sachs, sono stati controbilanciati dalle vendite su Pirelli (-3,33%), e Atlantia (-3,02%). Tra i migliori anche Luxottica (+2,09%), Snam Rete Gas (+1,98%), in evidenza grazie all’upgrade da parte di Morgan Stanley. Di segno opposto Pirelli (-3,33%) penalizzato dai fondi che in questo particolare momento negativo delle piazze finanziarie mondiale tendono a uscire selettivamente dall’azionario. Ancora deboli gli editoriali con Mondadori (-1,96%), e il gruppo l’Espresso (-0,86%), che ha pagato il taglio di giudizio da «hold» a «sell» da parte degli analisti di Dresdner Kleinwort, che hanno quasi dimezzato il target di prezzo, portandolo da 3,3 a 1,5 euro. In Europa Londra è salita dello 0,21%, Parigi dello 0,21% e Francoforte dello 0,76%. Sulla piazza tedesca continuano a tenere banco le voci di una prossima fusione tra Commerzbank (+5,91%), e Dresdner Bank, controllata da Allianz (+4,13%). A Parigi ancora una seduta di vendite su Edf (-5,23%), che aveva già perso il 5,63% alla vigilia. In forte rialzo, invece, Peugeot (+4,04%), e Michelin (+7,08%), grazie al giudizio positivo di Goldman Sachs. Londra, infine è stata guidata dai rialzi dei bancari, in particolare, Hbos (+13,7%), e Alliance & Leicester (+10,9% ).