Milano capitale dei truffatori in «trasferta»

Aumentano i casi di bande di truffatori in «trasferta» da altre regioni che agiscono a Milano. L’ultimo caso al «Carrefour» di Assago. Un uomo si è fatto consegnare un televisore al plasma da 1.400 euro dopo aver utilizzato documenti e busta paga falsi per ottenere un finanziamento. Uno dei titolari, però, si è insospettito e ha chiamato i carabinieri. Il malvivente, di Tortona (Alessandria), è stato arrestato per tentata truffa. Due suoi complici, che lo attendevano in auto, sono stati denunciati. Secondo i carabineri di Corsico (Milano), che negli ultimi mesi hanno effettuato una decina di interventi per fatti analoghi, si tratta di bande di truffatori «importate»: un basista del luogo fornisce loro i documenti falsi; i complici, invece, si presentano nei negozi, stipulano un finanziamento, si fanno consegnare la merce e scompaiono. A loro vanno 100-200 euro a truffa, mentre televisori, stereo, videocamere finiscono al basista che poi le piazza sul mercato nero.