Milano, clandestino già espulso stupra in strada ragazzo disabile

Non doveva stare ancora a Milano. Non doveva stare in Italia. Un nordafricano clandestino, già espulso, ha abusato di un adolescente, diciassette anni, con problemi psichici. Una violenza avvenuta nel tardo pomeriggio di lunedì nel sottopassaggio ferroviario di via Tonale, vicino alla Stazione Centrale. Due vigilesse sono intervenute grazie alla segnalazione di un passante. Hanno fermato lo stupro e arrestato il nordafricano. Tante le polemiche sull’estradizione non avvenuta. Roberto Castelli, presidente dei senatori della Lega Nord, si chiede: «Se è davvero lui il colpevole quante ore dovremo aspettare per vederlo di nuovo libero e pronto a colpire ancora?».