Milano commemora Mozart per i 250 anni della nascita: dodici mesi di grande musica

Il 27 gennaio cinque ore di concerti al Dal Verme: ci sarà anche un film

Pamela Dell’Orto

Quando Wolfgang Amadeus Mozart arrivò a Milano per la prima volta non aveva ancora compiuto quattordici anni. Era il 23 gennaio del 1770, il suo compleanno sarebbe caduto a giorni, il 27. Da quel momento, a Milano l’enfant prodige tornò spesso, fino al ’73. L’anno prima, ripartendo per Salisburgo scrisse Il sogno di Scipione, un’opera «sperimentale» in cui il compositore ancora negli anni della formazione (ma già aveva scritto sonate, concerti e sinfonie) provava a confrontarsi con la tradizione italiana.
In quegli anni il giovanissimo musicista debuttava al Regio Ducal Teatro (che, distrutto da un incendio, sarebbe poi scomparso per sempre) con le sue prime opere serie: Mitridate Re di Ponto, Ascanio in Alba e Lucio Silla. Lavori che la Milano di allora accolse con grande entusiasmo.
Oggi la città si prepara a una grande festa per celebrare il duecentocinquantesimo anniversario della nascita di Mozart: l’entusiasmo forse riuscirà ad essere lo stesso di un tempo perché gli eventi, coordinati dall’assessorato alla Cultura del Comune, saranno davvero tanti.
Un calendario ricchissimo per tutto il 2006, con 140 appuntamenti fra spettacoli, incontri, itinerari e conferenze. «La manifestazione ha avuto un prologo di gran rilievo - dice l’assessore alla Cultura Stefano Zecchi - che è stato l’Idomeneo (in scena alla Scala fino al 22 dicembre, ndr) e coinvolgerà 33 luoghi, dalle chiese alle biblioteche; 28 gli enti promotori che hanno messo in piedi 16 diverse forme di esibizioni artistiche: dalle opere alle installazioni. Giorno clou di Mozart 2006 sarà quello del suo compleanno, il 27 gennaio 2006».
Per festeggiare il musicista austriaco, proprio in questo giorno, ci sarà solo l’imbarazzo della scelta. Si parte con la Maratona Mozart: cinque ore di musica e cinema (dalle 17 alle 22, al Teatro Dal Verme) con solisti, trii e quartetti e cantanti e con la proiezione del film di Francesco Leprino In casa mia vi aspetto - Mozart a Vienna. E si prosegue con un Don Giovanni al Teatro delle Erbe (diretto da Shunsaku Tsutsumi); una serata teatrale al Forum Austriaco di cultura con Silvia Manfrini e Paola Compostella; un concerto all’Auditorium Asteri, con l’Orchestra Nuova sinfonica italiana; e l’inaugurazione di una mostra al Museo teatrale alla Scala.
Fra le particolarità del folto «catalogo», il Festival delle marionette, al Piccolo Teatro (dal 27 marzo al 13 aprile): un evento internazionale che coinvolge le più importanti compagnie di pupi d’Europa, e organizzato dalla compagnia Carlo Colla e figli. Spettacoli per i più piccoli, fra i quali Il Piccolo Mozart, musica di un bambino per i bambini con testo e regia di Francesco Micheli e adattamenti musicali di Alfonso Cajani (al Dal Verme in marzo e aprile). Un concerto nella chiesa di Sant’Antonio, che custodisce ancora l’organo suonato da Mozart (l’11 aprile). E la Serata Mozart alla Scala (dal 9 al 23 giugno) con Alessandra Ferri, Roberto Bolle e Massimo Murru.
Le date sono davvero tante (e onerose, dato che il Comune ha investito 460mila euro nel 2005 e il prossimo anno ne stanzierà altrettanti). Informazioni al sito www.mozart2006.it/milano o www.mozartways.com, o sui 60mila cataloghi distribuiti da gennaio in tutti i luoghi pubblici di Milano e provincia.